Mosca: economia o guerra

Mosca: economia o guerra
Yellen, segretario al Tesoro Usa

Il monito della segretaria al Tesoro degli Stati Uniti: “Abbiamo preso una posizione forte e unita contro le azioni atroci della Russia. E grazie alla nostra unità, abbiamo visto che sanzioni rapide e radicali possono avere una forza enorme”

“Il Cremlino sarà costretto a scegliere tra sostenere la propria economia e finanziare la prosecuzione della brutale guerra di Putin” perché se il governo di Mosca “continua la sua atroce guerra, l’amministrazione Biden lavorerà con voi (l’Ue, ndr) e gli altri nostri partner per spingere ulteriormente la Russia verso l’isolamento economico, finanziario e strategico“. Il monito arriva dalla segretaria al Tesoro degli Stati Uniti, Janet Yellen, nel suo intervento alla Tommaso Padoa Schioppa Lecture del Brussels Economic Forum.

Abbiamo preso una posizione forte e unita contro le azioni atroci della Russia“, ha aggiunto Yellen. “E grazie alla nostra unità, abbiamo visto che sanzioni rapide e radicali possono avere una forza enorme. Gli Stati Uniti, l’Europa e i nostri partner, che rappresentano oltre la meta’ dell’economia mondiale, hanno imposto alla Russia una serie senza precedenti di sanzioni finanziarie e controlli sulle esportazioni”, ha sottolineato nel suo discorso.

“Questo approccio multilaterale ci ha permesso di imporre costi e limiti significativi alla Russia, che credo stiano degradando la sua capacità di portare avanti questa guerra e mostrate il proprio potere negli anni a venire”, ha evidenziato Yellen.

Lo stop al petrolio russo è una proposta da lodare

“So che l’Europa sta affrontando una situazione particolarmente difficile, date le infrastrutture esistenti e i contratti di fornitura con la Russia a breve termine. Ecco perché lodo i leader europei per la loro proposta di eliminare gradualmente tutte le forniture energetiche russe entro sei mesi”. “Riconosco – ha aggiunto Yellen – la solidarietà del popolo europeo nell’accettare le conseguenze di questa proposta”.

“Mentre tante cose sono incerte – sottolinea – una cosa che abbiamo in nostro potere è perseguire una cooperazione reale ed efficace per assicurare un mondo più prospero e sostenibile per le future generazioni sulle due sponde dell’Atlantico. Usa e Ue hanno dimostrato cosa possono fare quando sono insieme”.

“La nostra risposta di fronte alla crisi immediata che affrontiamo oggi, porre fine alla brutale guerra di Vladimir Putin contro l’Ucraina e il suo popolo, ne é una chiara dimostrazione”, ha aggiunto. “Ma possiamo andare oltre. Possiamo estendere questa importante cooperazione transatlantica per affrontare molte delle altre sfide condivise che abbiamo davanti“, ha sottolineato.

AGI

Redazione Radici

Redazione Radici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.