“Non solo muse”: la poesia femminile italiana contemporanea protagonista a Londra

“Non solo muse”: la poesia femminile italiana contemporanea protagonista a Londra
 Una panoramica sulla poesia femminile italiana contemporanea, dal 1970 ai giorni nostri. È quella che offrirà l’Istituto Italiano di Cultura di Londra con il suo progetto “Non solo Muse”, che, oltre ad essere on line a questo link, sarà presentato il 19 aprile, alle ore 18:00, con un evento in sede.

L’incontro, ad ingresso libero, sarà dedicato in particolare alla poesia di sette autrici. Maddalena Bergamin, Maria Borio, Carmen Gallo, Giulia Martini, Laura Pugno e Francesca Santucci leggeranno alcune loro poesie insieme ad altre composizioni di poetesse che hanno avuto un ruolo importante nello sviluppo delle loro voci poetiche. Le poesie di Elisa Donzelli dalla sua recente raccolta Album (Nottetempo, 2021), premiata con il Premio Alma Mater Violani Landi Opera Prima e il Premio di Poesia Città di Legnano-Giuseppe Tirinnanzi, saranno lette da Adele Bardazzi. Inoltre, il poeta e traduttore Geoffrey Brock leggerà alcuni dei testi delle poetesse in traduzioni in inglese realizzate appositamente per l’occasione.

Il reading poetico del 19 aprile è il risultato del progetto di ricerca “Non solo muse: panorama della poesia femminile contemporanea italiana dal 1970 a oggi”, coordinato da Adele Bardazzi del Trinity College Dublin e Roberto Binetti dell’Università di Oxford e finanziato dal John Fell Fondo presso l’Università di Oxford.

Il progetto intende esaminare e problematizzare la nozione di scrittura femminile nel contesto poetico italiano, intervistando più di quindici poetesse, tra cui Elisa Biagini, Maria Grazia Calandrone, Giovanna Frene, Mariangela Gualtieri, Franca Mancinelli, Dacia Maraini, Gabriella Sica e Sara Ventroni.

Il progetto mira a proporre una migliore comprensione e valorizzazione della poesia femminile italiana contemporanea creando un dialogo con le poetesse stesse e dimostrando la ricchezza e la complessità del loro fenomeno letterario, troppo spesso ridotto ad un concetto “confessionale” ed invece impegnato, al pari della poesia al maschile, nella realtà storica e sociale vissuta dalle autrici.

Daniela Piesco

Daniela Piesco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.