Stop al romantico treno ‘Allegro’, ora la Russia è più isolata

Stop al romantico treno ‘Allegro’, ora la Russia è più isolata

Sospeso a tempo indeterminato per effetto delle sanzioni il collegamento tra Helsinki e San Pietroburgo

© SEPPO SAMULI / LEHTIKUVA / AFP

La Russia è sempre più isolata dall’Unione Europea. È arrivato puntuale alle ore 19 locali (le 18 in Italia) alla stazione centrale di Helsinki l’ultimo treno ‘Allegro’, prezioso collegamento ferroviario tra la capitale finlandese e San Pietroburgo. Da domani il servizio sarà sospeso causa le sanzioni in atto e, come dice all’AGI Viktoria Hurri direttrice del servizio passeggeri tra Finlandia e la Russia presso le ferrovie finlandesi (Vr Group), “i treni saranno parcheggiati nel deposito a Helsinki e non sappiamo quando il collegamento verrà ripristinato”.

Il servizio era iniziato il 10 dicembre del 2010 e in tre ore e mezza collegava le due città bagnate dalle acque del Golfo di Finlandia. L’‘Allegro’ è il treno che attraversa le sconfinate distese di betulle in mezzo ai laghi finlandesi, il ‘treno romantico’ che riuniva le famiglie russo-finniche, il treno indispensabile per chi lavorava nell’una o nell’altra città senza per forza utilizzare uno dei due o tre voli giornalieri della Finnair (attualmente sospesi) tra lo scalo russo di ‘Pulkovo’ e quello finlandese di Vantaa.

Proprietaria dei treni ‘Allegro’ è la società Karelian Trains, una joint venture tra le ferrovie finlandesi (Vr) e le ferrovie russe (Rzd). Quest’ultime figurano nelle sanzioni sia statunitensi che dell’Ue contro la Russia dopo l’intervento militare in Ucraina. Rimasto sospeso per più di un anno e mezzo causa pandemia di coronavirus, da quando è stato riattivato a bordo potevano salire solo cittadini russi o finlandesi con tampone molecolare o vaccino riconosciuto dall’Unione Europea.

“Da fine febbraio la richiesta di biglietti è incrementata sensibilmente e solo negli ultimi giorni la domanda si è stabilizzata – dice Hurri –. La capacità di un singolo convoglio è di poco inferiore a 350 passeggeri, quindi dalla Russia ogni giorni hanno viaggiato circa 700 persone”. A far interrompere il collegamento su rotaia tra Finlandia e Russia è stata la ministra per gli Affari Europei, la socialdemocratica finlandese Tytti Tuppurainen che ha inviato una lettera alle ferrovie del suo Paese natale (è originaria di Oulu) scrivendo che ‘non è più appropriato far funzionare il treno’.

“Abbiano continuato ad offrire il servizio ‘Allegro’ secondo le istruzioni delle autorità competenti e quindi assicurandoci di poter fornire un passaggio sicuro ai cittadini finlandesi – spiega la direttrice del servizio passeggeri Finlandia-Russia –. In queste settimane le persone che volevano partire dalla Russia, hanno avuto il tempo necessario ma ora causa le sanzioni interromperemo il servizio. Nell’epoca precedente al coronavirus, russi e finlandesi utilizzavano più o meno alla pari il treno ma nelle ultime settimane c’è stata una presenza russa di circa  il 70%”.

Tra Finlandia e Russia resta solo il collegamento via terra: c’è un servizio in pullman ma è contingentedeato. Per recarsi a San Pietroburgo ci sono quattro-cinque autobus giornalieri che partono da Tallinn in Estonia ma le regole d’ingresso nella grande Federazione russa stanno diventando sempre più restrittive.agi

Antonio Peragine

Antonio Peragine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.