Natalia di Pietrantonio nuova curatrice del seattle art museum

Natalia di Pietrantonio nuova curatrice del seattle art museum
Natalia Di Pietrantonio ha dedicato la sua carriera all’arte dell’Asia meridionale, ma la sua famiglia proviene da parti molto diverse del mondo: suo padre è italiano e sua madre messicana”.
Rita Cipolla l’ha incontrata ora che è stata nominata nuova curatrice del Seattle Art Museum e l’ha intervistata per il giornale bilingue di Los Angeles “L’Italoamericano”.

“Attratta dall’arte fin dalla più tenera età, Di Pietrantonio si è laureata in storia dell’arte alla University of California Davis. Durante gli studi, ha dovuto seguire un corso d’indagine sull’arte asiatica e ha scoperto di amarla. “È stato completamente inaspettato”, ha detto. “Non conoscevo l’arte dell’Asia meridionale prima di allora, ma a partire da quel corso è diventata la mia carriera”.

Ha approfondito le sue competenze perseguendo un master alla Columbia University seguito da un dottorato alla Cornell, insieme a due post-dottorati in storia dell’arte sud asiatica e islamica. Nel 2020 è entrata al Seattle Art Museum quale prima assistente curatrice di arte dell’Asia meridionale.

“Mia madre in particolare non era sicura del percorso che ho scelto nelle arti, ma mi ha sempre sostenuto”, ha detto Di Pietrantonio. “Nel mio lavoro vede il valore di collegare la borsa di studio con l’impegno nella comunità e l’educazione attraverso le arti”.

La prima mostra di Di Pietrantonio al SAM ha aperto a metà gennaio e sarà visibile fino al 10 luglio. Chiamata “Embodied Change: South Asian Art Across Time”, la mostra è incentrata sull’arte che si sviluppa sul corpo umano e sui molti modi in cui può essere trasformato, dai gioielli ai vestiti ai tatuaggi. In mostra ci sono dipinti, fotografie e video, insieme a opere in legno, metallo e terracotta.

La sua seconda mostra ha aperto il 18 marzo, co-curata con due colleghi del museo. Il trio voleva una mostra che approfittasse dell’apprezzata collezione globale del museo e che affrontasse un argomento fosse urgente e rilevante. Il risultato è “Our Blue Planet: Global Visions of Water – Il nostro pianeta blu: Visioni globali dell’acqua”, che durerà fino al 30 maggio.

Insieme a Di Pietrantonio nel team curatoriale ci sono Barbara Brotherton, curatrice di Native American Art, e Pamela McClusky, curatrice di African and Oceanic Art.

“Our Blue Planet” esplora i molti modi in cui gli artisti di tutto il mondo si sono confrontati con il tema dell’acqua, esaminando i suoi piaceri e pericoli e il suo ruolo mutevole nelle nostre vite. È un argomento particolarmente appropriato per una regione come Seattle, che è stata modellata dai corsi d’acqua che la circondano. Più di 80 opere d’arte provenienti da 16 Paesi e sette tribù di nativi americani sono in mostra, provenienti dalla collezione del museo e da tre prestatori locali.
Mentre i visitatori si fanno strada attraverso la mostra, sono incoraggiati a contemplare il loro rapporto con l’acqua, forse ricordando un viaggio attraverso un mare in tempesta, pescando in fiumi incontaminati, o sguazzando in una piscina. Ma il quadro non è tutto roseo.

La mostra chiarisce anche che il riscaldamento globale, l’aumento del livello del mare, lo sviluppo umano e l’alterazione dei corsi d’acqua stanno causando grandi danni al pianeta.

I visitatori della mostra “Our Blue Planet” sono accolti da un saluto in Lushootseed, una lingua salish. La prima galleria mette in evidenza alcuni degli attivisti e dei lavoratori culturali di tutto il mondo che stanno cercando di proteggere l’acqua della terra e i sistemi idrici. Una sezione sui fiumi mostra alcuni dei regalia cerimoniali usati dai nativi americani per i viaggi tribali in canoa.

In una sezione sull’acqua piovana, gli spettatori possono guardare un video di un’enorme scultura installata nel 2018 in Trentino, Italia. Chiamata Reservoirs of Rain Water, la scultura è stata creata dall’artista di Seattle John Grade, specializzato in installazioni su larga scala che esplorano l’impermanenza della natura.

L’opera abbagliante di Grade è stata installata nel Parco delle Sculture Arte Sella a Borgo Valsugana, noto per il suo spettacolare scenario fluviale.

Composta da 5.000 gocce di plastica trasparente, ognuna delicatamente attaccata a reti traslucide infilate tra gli alberi, la scultura cambia forma a seconda del tempo. Nel video, gli spettatori possono vedere come l’acqua, o la mancanza di acqua, alteri il movimento e la forma della scultura. Se piove o nevica, l’acqua si accumula nei piccoli sacchetti che compongono la forma della goccia. Man mano che l’acqua piovana si accumula, l’installazione diventa sempre più pesante – può pesare fino a 800 libbre – e sprofonda sempre più in basso. Con il tempo soleggiato, la scultura torna alla sua forma originale.

Quando Reservoirs of Rain Water è stato installato in Trentino, Grade ha collaborato con l’artista italiano di danza Andrea Rampazzo che ha coreografato una performance interattiva originale. Mentre quattro ballerini si muovevano intorno all’installazione, creavano un movimento che influenzava l’aspetto della scultura.

“Our Blue Planet” esplora anche l’interpretazione artistica degli oceani, delle creature marine e dell’inquinamento dell’acqua. Tra le 80 opere d’arte in mostra ci sono quattro dipinti aborigeni australiani di pigmenti naturali su corteccia di eucalipto; un lavoro su carta di Robert Motherwell, un dipinto dell’artista tedesco Albert Bierstadt e una fotografia dell’artista etiope Aida Muluneh che mostra due donne che trasportano acqua attraverso un paesaggio desertico.

Di Pietrantonio ammette che è stato difficile accettare un nuovo lavoro e trasferirsi in una nuova città durante la pandemia. Ma la ex californiana l’ha presa bene, trascorrendo il tempo all’aperto per esplorare le bellezze naturali di Seattle. “Il mio posto preferito a Seattle finora è il Golden Gardens Park”, ha detto. “Qualsiasi posto dove posso vedere e sentire l’oceano è, di solito, il mio posto preferito”.

In un mondo post-pandemico, lei crede che mostre come “Our Blue Planet” aiuteranno a promuovere maggiore collaborazione e partnership comunitarie. “Siamo stati tutti affamati di arte e non ci siamo riuniti in gruppo per un po’”, ha detto la Di Pietrantonio. “Immagino che tutti noi vogliamo stare in uno spazio insieme ed essere ispirati ancora una volta dall’arte””.

Redazione Radici

Redazione Radici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.