La prima ferrovia d’Italia

La prima ferrovia d’Italia

Alle 12 del 3 ottobre 1839, ad un cenno di Ferdinando II di Borbone, Re delle due Sicilie, parte il primo treno della prima ferrovia italiana ed anche dell’Europa continentale, sulla tratta Napoli-Portici. La linea è a doppio binario ed è lunga 7,25 chilometri. Quel primo storico viaggio trasporta 258 passeggeri e viene compiuto in 9 minuti e mezzo tra le grida di giubilo della folla festante. Progettista è l’ingegnere francese Armando Giuseppe Bayard de la Vingtrie per contro di una società sempre d’Oltralpe. La locomotiva a vapore, pesante 13 tonnellate e che può raggiunge la velocità massima di 50 km/ora, traina 8 vagoni – costruiti in uno stabilimento di San Giovanni a Teduccio -, per un peso complessivo di 46 tonnellate. La locomotiva, ribattezzata “Vesuvio”, è stata acquistata dalla società inglese Longridge Starbuck e Co. di Newcastle-Upon Tyne.9Colonne

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.