Da Cerreto d’Esi a Mendoza: la famiglia Zamparini

Da Cerreto d’Esi a Mendoza: la famiglia Zamparini

Il mio nome e Iro Benito Giovanni Zamparini sono nato l’8/3/36 a Cerreto d’Esi, provincia di Ancona, Marche.
La mia infanzia è stata veramente bella, assieme a mia madre, mia nonna e non così con mio papa che stava sempre in guerra.
Avevo molti compagni di scuola e non di scuola e ci divertivamo molto giocando a tutto quello che un bambino a quell’età può giocare, ero veramente felice perche vedevo però non sapevo niente quello che succedeva a tempo di guerra.
Andavamo in campagna con mia madre e mia nonna al tempo della mietitura a raccogliere un po’ di grano, mia nonna, una donna veramente straordinaria, era molto culta, venivano molte ragazze che aveva il fidanzato sotto le armi e gli scriveva, così potevano vivere no molto bene però felici.
Io tutte le mattine presto prima di andare alla scuola andavo a servire la santa mesa tutti i giorni e Don Antonio mi dava L.5 e quando moriva qualcuno allora era L.10.
Finita la guerra mi ricordo il santo Padre ci mandò al mare e quelli che sofrivano dei polmoni in montagna, io andai al mare.
Sono stati 15 giorni propio felici mio padre incominciò a lavorare in Ancona era lucidatore di mobili e due volte per settimana mi vedeva perché stava vicino, finite le vacanze mi ricordo mi è venuto a prendere, siamo andati a mangiare alla stazione e a la sera mi portò al cinema all’aperto mai mi dimenticherò la pelicula che vidi Il ladro di Bagdad e mi è piaciuta molto.
Nel 1947 mio padre emigrò in Argentina qua aveva due fratelli, e noi con mia madre e mia sorella con la nave Salta siamo arrivati 30/11/49.
Mi portai una fisarmonica Paolo Soprani di 120 Bassi che toccava e cuella poca robba che avevamo. A Bs. Aires ci aspettava un mio zio cuando siamo sbarcati cuello che controllava la dogana ci disse in italiano che cosa portate, mia madre gli disse poca robba, cuando a visto la fisarmonica mi disse sai suonare si gli dissi, mi puoi sonare una canzone e incominciai a suonare e cantare Za Za sempre mi ricordo di cuello che mi disse, sei proprio bravino ciao.
Arrivati a Mendoza dove stava mio padre, sono andato a la scuola due anni poi incominciai a lavorare da orologiaio e studiavo di notte per tre anni, non o potuto la secondaria perché gia dovevo solo lavorare dato che ci eravamo comprati una casa. A 24 anni sono andato a lavorare a Santa Cruz in una compagnia petrolifera fino ai 28 anni. Sono ritornato in Italia per due anni lavorando da cameriere in Svizzera, Germania, Francia etc ai 30 anni sono ritornato in Argentina perché mio padre stava molto malato. Mi sposai ai 31 ed o due figli maschi di 36 e 35 anni.
Florio si e laureato da Ingeniere e Livio di professore di ginnastica. Io mi sono pensionato e sono ritornato due volte con mia moglie a passegiare in Italia o cuattro nipoti 2 di Flavio e due di Livio che è la mia gioia.

Iro Benito Giovanni Zamparini

Paola Cecchini

Paola Cecchini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.