La libertà di Mill esiste ancora?

La libertà di Mill esiste ancora?
  Il concetto di libertà espresso da John     Mill è attuale e realizzabile?
“Quand’anche l’intera umanità, a eccezione di una sola persona,avesse una certa opinione,e quell’unica persona ne avesse una opposta, non per questo l’umanità potrebbe metterla a tacere: non avrebbe maggiori giustificazioni di quante ne avrebbe quell’unica persona per mettere a tacere l’umanità, avendone il potere”.
Queste importanti parole sull’importanza di un opinione che qualunque persona può avere propria e la sua libertà di avere idee diverse rispetto ad altre persone, furono scritte 160 anni fa dal famoso filosofo inglese John Stuart Mill nel saggio “Sulla libertà”(1859), vissuto nell’Inghilterra vittoriana del 19 secolo, dove l’economia, il commercio e la politica erano questioni di primaria importanza. Egli è considerato come uno dei maggiori filosofi del pensiero liberale, che si occupò nei suoi scritti delle libertà delle persone e di espressione, temi ancora oggi molto attuali nella società contemporanea. Egli visse la maggior parte della sua vita in Francia, dove ebbe modo di conoscere importanti filosofi della sua epoca tra I quali August Comte. Membro del Partito Liberale, fu deputato del Parlamento inglese, dove influenzato da sua moglie, la filosofa inglese Harriet Taylor, si battè per I diritti delle donne e il loro diritto di voto.
Dunque John Mill fu autore di importanti opere dove affrontava la        politica, la  logica e le libertà, quest’ ultima di cui è rimasta famosa la sua opera “Sulle libertà”suddiviso in 5 parti  dove egli scrive le sue idee sulle  libertà individuali e come la si applica all’ interno di vivere in società, la libera educazione per I giovani, la tolleranza religiosa e la libertà di espressione e di opinione. Per il filosofo queste ultime hanno un valore fondamentale e non devono  essere negate, tutti hanno il diritto ad esprimersi  liberamente e avere anche opinioni diverse da altri, queste parole in molti stati del mondo moderno purtroppo non sono reali, in molti stati dove c’è una dittatura non esiste la libertà di espressione e può succedere che lo stesso Stato può emanare leggi contro il diritto di esprimersi, criticare  e ciò va in contrapposizione con quanto affermava John Mill, ovvero  lo Stato doveva proteggere le libertà di tutti I cittadini. Recentemente la negazione di esprimersi liberamente si è vista con le leggi attuate dal governo russo, contro le notizie false secondo il potere centrale inerenti all’attuale guerra in corso tra Russia e Ucraina e molti giornalisti sono stati messi in carcere o fatte chiudere agenzie di stampa.
Dunque, secondo la mia opinione, mi trovo d’accordo con le tesi affermate da John Mill. Ogni giorno nel mondo molti giornalisti rischiano di perdere la propria vita per il loro lavoro nel difendere la libertà di parola e raccontare le inchieste, come ad esempio sulla criminalità o di denuncia, un opinione o la parola può essere vista come un pericolo, ad esempio in stati come l’Iran dove è vietato scrivere sui rapporti tra uomo e donna o una critica alla politica e a chi governa. Nelle ultime settimane in Ucraina hanno perso la propria vita giornalisti e reporter uccisi sotto le bombe o colpiti mortalmente da proiettili, che stavano seguendo sul campo il conflitto. Parallelamente al conflitto russo-ucraino, la  giornalista Shireen Abu Aqleh della rete televisiva araba, Al-Jazeera è stata uccisa durante un conflitto a fuoco tra I soldati israeliani e palestinesi, mentre stava seguendo gli scontri in una zona dove la parola “Pace” non è ancora conosciuta. Altri, come la giornalista maltese Daphne Caruana Galizia, la quale scriveva inchieste sulla corruzione politica-mafiosa  presente a Malta perse la vita in un attentato dinamitardo, commissionata forse da quella realtà che è lo Stato che come pensava John Mill doveva proteggere la libertà di tutti, la libertà di raccontare e investigare di Daphne Galizia faceva paura . Dunque la libertà di un individuo e di espressione pensata 160 anni fa da John Mill in molti paesi,  non esiste, forse chi governa dovrebbe leggere le frasi di Jhon Mill sulla libertà ma se questa  parola è appunto “Libertà”, per chi la nega sarà difficile capire il vero e profondo significato che ha.
 Antonio Simondi
Redazione Radici

Redazione Radici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.