Opportunità per i giovani nella cooperazione internazionale

Opportunità per i giovani nella cooperazione internazionale

 A Torino il workshop del Programma UNDESA Fellowship 2021/2022

TORINO – Si sono concluse con successo le due sessioni del 7 e 8 giugno dal Centro Internazionale di Formazione dell’ILO a Torino, tenute in forma telematica, dedicate alla Cooperazione Italiana, e in particolare all’AICS, nell’ambito del workshop di orientamento previsto dal Programma UNDESA Fellowship edizione 2021/2022.

Il Programma offre a giovani laureati la possibilità di svolgere un percorso di formazione professionale in Paesi in via di Sviluppo nell’ambito della Cooperazione Internazionale e quest’anno vede la partecipazione di 41 giovani borsisti selezionati, di cui 31 donne e 10 uomini. Di questi,11 si recheranno in sedi estere dell’Agenzia: precisamente ad Addis Abeba, Bogotà, Dakar, Il Cairo, Gerusalemme, Hanoi, L’Havana, Maputo, Nairobi, Tirana, Tunisi. I restanti saranno invece assegnati ad Uffici di Agenzie multilaterali collegate al sistema delle Nazioni Unite.

L’Italian Fellowship Programme di UNDESA è un’iniziativa che ha acquisito negli anni sempre maggior rilievo, rappresentando una grande opportunità per i giovani professionisti nel panorama della cooperazione internazionale. Anche per l’edizione del workshop di quest’anno, grazie alla collaborazione con UNDESA, il MAECI ed ICTILO, è stato possibile coinvolgere due Direttori di sedi estere AICS ed altri colleghi della sede di Roma che hanno incontrato i fellow virtualmente, dando continuità ad una iniziativa così importante.

Durante il corso, sono stati affrontati temi quali la differenza tra cooperazione e aiuto umanitario, la struttura e l’organigramma di AICS Roma e di alcune delle sedi estere. Sono state delineatele attività tecniche ed operative relative alla formulazione, valutazione, finanziamento, attuazione e monitoraggio delle iniziative di cooperazione con un focus sull’attuazione di politiche di cooperazione allo sviluppo sulla base di criteri quali l’efficacia, la coerenza e la trasparenza.
Dopo l’introduzione di Claudia Oehl, programme officer della ODPS – Organizational Development and Project Services Programme (ODPS) di ICT-ILO, il direttore AICS Luca Maestripieri ha voluto fare un video di saluto con il quale ha sottolineato che “il conflitto in Ucraina e gli scenari di crisi che continuano a caratterizzare il panorama internazionale, rendendo sempre più fondamentali i programmi di aiuto umanitario destinati alle popolazioni colpite, fanno emergere chiaramente che oggi più che mai è necessario rinnovare l’impegno di tutti noi per tornare ad investire con convinzione su questi 5 pilastri.

Con la fellowship continuiamo ad investire sulle persone, come voi, perché crediamo sinceramente che anche grazie al vostro contributo professionale e personale le sedi AICS possano beneficiare nel quotidiano e portare nuova linfa alle attività che con convinzione e costanza sono chiamate a svolgere”.

 

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.