Aiuti di Stato: dall’Ue via libera al sostegno del settore turistico italiano

Aiuti di Stato: dall’Ue via libera al sostegno del settore turistico italiano
La Commissione europea ha approvato un regime italiano da 129 milioni di euro a sostegno del settore turistico nel contesto della pandemia di coronavirus. La misura è stata approvata nell’ambito del quadro temporaneo per le misure di aiuti di Stato.

Il regime prevede aiuti di importo limitato sotto forma di credito d’imposta per canoni di locazione relativi ad attività turistiche dovuti per il periodo compreso tra gennaio e marzo 2022; e aiuti sotto forma di sostegno per i costi fissi non coperti.

Per beneficiare del regime, le imprese turistiche devono aver subito un calo del fatturato di almeno il 50% durante i mesi prestabiliti rispetto al periodo corrispondente del 2019. Il credito d’imposta coprirà fino al 60% dei canoni di locazione relativi alle attività in questione.

La Commissione ha constatato che il regime italiano è in linea con le condizioni stabilite nel quadro temporaneo. In particolare, relativamente agli aiuti di importo limitato, il sostegno pubblico non supererà i 2,3 milioni per beneficiario. Per quanto riguarda il sostegno ai costi fissi non coperti, l’aiuto non supererà i 12 milioni per impresa.

Il sostegno pubblico sarà inoltre concesso entro il 30 giugno 2022.

La Commissione ha pertanto concluso che la misura è “necessaria, adeguata e proporzionata” per porre rimedio al grave turbamento dell’economia di uno Stato membro, in linea con l’articolo 107, paragrafo 3, lettera b), del TFUE e con le condizioni del quadro temporaneo.

Su queste basi la Commissione ha approvato le misure in conformità delle norme dell’Unione sugli aiuti di Stato. (aise) 

Daniela Piesco

Daniela Piesco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.