La rivoluzione fisica del novecento

La rivoluzione fisica del novecento
 Italia significa storia e innovazione: dalle tecnologie spaziali alla fisica nucleare, dalle energie rinnovabili ai nuovi materiali, il nostro Paese è leader mondiale in molti campi della ricerca scientifica.
In particolare, nel corso del Novecento, la fisica moderna ha registrato scoperte fondamentali che hanno rivoluzionato il corso della scienza, portando a una profonda revisione della concezione della materia: progressivamente, gli oggetti dell’indagine sono diventate entità sempre più piccole, non osservabili a occhio nudo, influenzando tutti gli ambiti di ricerca.

fisici italiani e quelli danesi hanno contribuito in modo particolare a nuovi studi, ricerche e scoperte nei campi della fisica nucleare e della meccanica quantistica, grazie a figure come Enrico Fermi, Ettore Majorana, Niels Bohr, Bengt Strömgren, ma non solo.

Alcuni giorni fa, a Copenaghen, è stato firmato un accordo-quadro di cooperazione tra l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e il Niels Bohr Institute, che rinnova e rafforza la collaborazione tra Italia e Danimarca in ambito scientifico, attraverso anche la comunità dell’ARSID, l’Associazione Ricercatori e Scienziati Italiani in Danimarca.
In occasione di questo nuovo accordo, l’Istituto Italiano di Cultura di Copenaghen ha scelto di ripercorrere alcune delle tappe della storia scientifica del Novecento. Dal 28 aprile al 2 giugno, ogni giovedì, ne “La rivoluzione fisica del Novecento. Alla scoperta dei protagonisti della scienza italiana e danese del ‘900” verrà approfondito l’apporto dato dai fisici italiani e danesi alla scienza moderna attraverso alcuni dei loro protagonisti, in una serie di sei appuntamenti digitali sui profili Instagram e Facebook dell’Istituto.
Il programma si aprirà domani, 28 aprile, con un focus su Enrico Fermi e proseguirà poi con la Scuola di via Panisperna il 5 maggio, Ettore Maiorana il 12, Niels Bohr il 19, Aage Niels Bohr il 26, per concludersi il 2 giugno con Bengt Strömgren.

Redazione Radici

Redazione Radici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.