Crisi in Libano: dall’Ue 20 milioni di euro in aiuti umanitari per i più vulnerabili

Crisi in Libano: dall’Ue 20 milioni di euro in aiuti umanitari per i più vulnerabili
 L’impennata dei prezzi dei prodotti alimentari causata dalla guerra in Ucraina aggrava la crisi in Libano che importa il 96% del frumento dalla Russia e dall’Ucraina. Per sostenere le popolazioni a rischio più vulnerabili in Libano, l’UE ha stanziato altri 20 milioni di euro in aiuti umanitari con cui far fronte alla crescente insicurezza alimentare e ad altre esigenze. Il finanziamento sarà destinato ai cittadini libanesi vulnerabili e ai rifugiati che vivono nel paese.

Il nuovo finanziamento andrà a settori e comunità di cui sono comprovati l’elevata insicurezza alimentare, l’accesso insufficiente all’assistenza sanitaria o il sussistere di problemi di protezione specifici delle popolazioni libanesi vulnerabili e dei rifugiati bisognosi. Gli aiuti umanitari dell’UE sono forniti in partenariato con le agenzie delle Nazioni Unite, le organizzazioni internazionali e le ONG.

Il Commissario per la Gestione delle crisi, Janez Lenarcic, ha dichiarato: “La crisi economica e finanziaria del Libano ha ridotto in povertà milioni di persone negli ultimi due anni. La pandemia di COVID-19, l’esplosione del porto di Beirut e il deterioramento della crisi politica hanno aggravato le sofferenze dei libanesi vulnerabili e dei rifugiati siriani. Oggi i libanesi si trovano ad affrontare shock alimentari ed energetici mondiali derivanti dall’invasione russa in Ucraina.

L’UE esprime solidarietà al popolo libanese e alle comunità di rifugiati in questi tempi difficili. Il finanziamento annunciato oggi li aiuterà a rispondere a esigenze di base e a vivere dignitosamente.”

Redazione Radici

Redazione Radici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.