È nata una piattaforma comune dell’Unione europea per l’acquisto del gas

È nata una piattaforma comune dell’Unione europea per l’acquisto del gas

L’obiettivo è garantire il rifornimento degli impianti di stoccaggio necessario per il prossimo inverno, oltre che di diversificare gli approvvigionamenti di energia dopo la decisione europea di includere nel quinto pacchetto di sanzioni alla Russia anche gas, carbone e petrolio

di Alessio Pisanò

È stata creata una piattaforma dell’Unione Europea per l’acquisto comune di gas, gas naturale liquefatto (Gnl) e idrogeno da parte dei Paesi membri. Lo si legge in una nota ufficiale della Commissione europea. Questo meccanismo è volontario e permetterà di utilizzare il peso del mercato unico nell’acquistare queste materie prime nel mercato. L’obiettivo della Commissione è quello di garantire il rifornimento degli impianti di stoccaggio necessario per il prossimo inverno, oltre che di diversificare gli approvvigionamenti di energia dopo la decisione europea di includere nel quinto pacchetto di sanzioni alla Russia anche gas, carbone e petrolio.

La commissaria europea per l’Energia Kadri Simson ha commentato l’iniziativa: “Con la piattaforma energetica dell’Ue- ha affermato la dirigente-, ci basiamo sull’esperienza acquisita negli ultimi mesi nel promuovere un approccio europeo coordinato per garantire le importazioni di gas alle migliori condizioni possibili”.

Redazione Radici

Redazione Radici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.