668 milioni di euro all’Ucraina

668 milioni di euro all’Ucraina

La Banca Europea Investimenti approva un sostegno immediato per 668 milioni di euro all’Ucraina

In una riunione straordinaria convocata il 4 marzo per discutere il sostegno urgente della BEI all’Ucraina, il consiglio di amministrazione della Banca europea per gli investimenti (BEI) ha espresso all’unanimità il proprio orrore e la condanna per l’aggressione brutale, illegale e ingiustificata della Russia contro l’Ucraina.

Il consiglio ha approvato un sostegno finanziario immediato di 668 milioni di euro per l’Ucraina. Questo pacchetto di sostegno iniziale per il paese dilaniato dalla guerra beneficia della garanzia dell’UE nell’ambito del mandato di prestito esterno e integra altre iniziative annunciate dalle istituzioni dell’UE. Aiuterà le autorità ucraine a soddisfare le esigenze finanziarie più urgenti, compreso l’acquisto di cibo, forniture mediche e carburante per i suoi cittadini. Il supporto immediato sarà disponibile nel giro di pochi giorni. La BEI erogherà i fondi disponibili nell’ambito di due prestiti BEI originariamente concessi per sostenere le PMI e il settore agricolo in Ucraina.

Inoltre, il consiglio ha convenuto che la BEI dovrebbe perseguire ulteriori iniziative nell’ambito del pacchetto di solidarietà di emergenza per l’Ucraina. Questi includono:

1.      Finanziare le esigenze infrastrutturali critiche in Ucraina riproponendo gli impegni di progetti infrastrutturali per soddisfare le esigenze immediate di investimento e ricostruzione. Questi riguarderanno i trasporti, l’energia, lo sviluppo urbano e gli investimenti digitali. Questi soldi possono essere disponibili molto rapidamente, non appena le autorità ucraine saranno in grado di approvare le modifiche ai contratti esistenti;

2.      Aiutare a ricostruire tutto ciò che l’esercito russo distrugge finanziando nuove infrastrutture economiche e sociali critiche necessarie non appena un’Ucraina libera e indipendente sarà ristabilita dopo la guerra. Per questo la BEI utilizzerà la sua esperienza con il Programma di ripresa precoce dell’Ucraina che aveva sostenuto, dopo l’aggressione russa del 2014, la ricostruzione di 238 progetti di infrastrutture comunali e sociali come scuole e asili nido, ospedali e alloggi sociali.    

Inoltre, gli esperti della BEI stanno attualmente valutando le esigenze dei paesi vicini all’Ucraina e all’interno dell’UE che accolgono i rifugiati dall’Ucraina o sono colpiti dalla guerra in altri modi. La banca dell’UE sta collaborando con le autorità nazionali e locali, le istituzioni di promozione nazionali e altre controparti per rendere urgentemente disponibile l’assistenza finanziaria e tecnica a questi paesi e regioni. Il finanziamento potrebbe assumere la forma di una rapida ridefinizione delle priorità dei prestiti esistenti non ancora erogati a regioni e comuni, o l’approvazione di nuove operazioni relative ai rifugiati che la BEI potrebbe finanziare fino al 100% invece del consueto 50% massimo.

Werner Hoyer , Presidente della Banca Europea per gli Investimenti, ha dichiarato: “Di fronte alla scioccante aggressione militare russa, sono commosso dalla determinazione, dal coraggio e dalla grinta del popolo ucraino. Siamo determinati a fare tutto il possibile per sostenere l’Ucraina e dimostrare concretamente la solidarietà europea al Paese. Con il sostegno cruciale della Commissione europea, abbiamo messo insieme un pacchetto finanziario significativo come parte della risposta immediata generale dell’UE. Oggi, il nostro consiglio ha deciso di mettere a disposizione 668 milioni di euro di liquidità tanto necessaria per sostenere le autorità ucraine. Questa è la prima parte del nostro pacchetto di solidarietà di emergenza per l’Ucraina. Inoltre, la Banca sta cercando modi per accelerare la consegna di ulteriori 1,3 miliardi di EUR di investimenti. Non appena le condizioni lo permetteranno, aiuteremo a ricostruire ciò che l’invasione ha distrutto in Ucraina. Interverremo anche per aiutare tutti i paesi colpiti,

Valdis Dombrovskis , vicepresidente esecutivo della Commissione europea, ha dichiarato: “Questo gradito e sostanzioso pacchetto BEI è l’ultima dimostrazione dell’incrollabile solidarietà dell’UE con l’Ucraina, quando il paese deve far fronte a bisogni immensi. Fornirà liquidità immediata al governo ucraino mentre combatte contro l’aggressione illegale e crudele della Russia. La Commissione europea non lascerà nulla di intentato nel fornire il massimo sostegno all’Ucraina, lavorando con gli Stati membri e altre istituzioni e organi dell’UE”.

Daniela Piesco

Daniela Piesco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.