La Shoa` degli Ebrei libici

La Shoa` degli Ebrei libici

L’inizio della fine per gli ebrei della Libia fu l’istituzione di una legislazione dura e discriminatoria da parte dell’Italia nei confronti dei propri ebrei nel 1938. Questa legislazione, nota come “Leggi sulla protezione della razza” fascista, fu istituita anche in Libia, sebbene fosse non applicato in pratica fino
alla morte di Italo Balbo, governatore fascista della Libia, nel 1940.

Queste leggi hanno inferto un duro colpo alla comunità ebraica della Libia. Gli ebrei non potevano più mandare i propri figli nelle scuole italiane pubbliche o private. I matrimoni misti tra “ariani” e “non ariani” divennero illegali. Gli ebrei erano esclusi da qualsiasi impiego statale così come dalle
professioni qualificate. I passaporti ebrei dovevano essere timbrati “razza ebraica”. Nonostante queste battute d’arresto alla fine degli anni ’30, la popolazione di Tripoli rimase per il 25% ebrea nel 1941, con 44 sinagoghe al servizio dei bisogni della popolazione ebraica.
La guerra raggiunse la Libia nell’autunno del 1940, quando l’Italia attaccò l’Egitto influenzato dagli inglesi dalle basi in Libia. Questa campagna fu una sconfitta disastrosa per l’Italia e gli inglesi entrarono in Libia. I tedeschi schierarono le loro truppe in Libia nel 1941 e cacciarono gli inglesi dalla Libia, ma il fronte passò di mano cinque volte tra il dicembre 1940 e il gennaio 1943. La regione della
Cirenaica in Libia, e in particolare Bengasi, subì l’impatto dei continui combattimenti: due volte
l’esercito britannico conquistò la Libia e due volte fu respinto dalle truppe italiane e tedesche. Nella città di Tripoli, il quartiere ebraico era spesso utilizzato per postazioni antiaeree italiane. In quanto
tale, fu oggetto di massicci bombardamenti da parte di inglesi e francesi; in un attacco furono
distrutte 4 sinagoghe e uccisi 30 ebrei. In altri attentati il cimitero ebraico, utilizzato anche
dall’esercito italiano per posizionare i propri cannoni antiaerei, fu danneggiato; le tombe furono spogliate delle loro lapidi per costruire fortificazioni.

Nel 1942 gli italiani, che già avevano deciso di adottare una politica più radicale contro gli ebrei, usarono l’accoglienza entusiastica dei soldati alleati da parte della comunità ebraica come pretesto per punire gli ebrei della Libia per il loro tradimento. Mussolini decise di disperdere o rimuovere gli
ebrei libici; questa campagna si chiamava “sfollamento”. Lo sfollamento degli ebrei libici era diverso a seconda della zona in cui vivevano. Nella zona della Cirenaica, gli ebrei erano divisi in tre gruppi in
base alla loro cittadinanza:

Gli ebrei con cittadinanza francese o sotto protezione tunisina dovevano essere inviati nei campi di concentramento in Algeria e Tunisia;

Gli ebrei con cittadinanza britannica dovevano essere inviati nei campi in Europa. Sebbene
inizialmente furono gettati nei campi di detenzione in Italia, una volta che i tedeschi occuparono l’Italia nel 1943 furono portati a Bergen Belsen, in Germania, ea Innsbruck-Reichenau, un’affiliata di
Dachau, in Austria;

Gli ebrei con cittadinanza libica, in particolare quelli della Cirenaica, dovevano essere deportati nei campi di concentramento della Tripolitania, il più famigerato dei quali era Giado (Jado).

Per gli ebrei della Tripolitania la situazione era diversa. Solo coloro che detenevano la cittadinanza britannica o francese furono deportati con gli ebrei della Cirenaica a Jado. Agli ebrei libici di questa zona fu invece richiesto di fornire lavoratori per i campi di lavoro nelle vicinanze, come i campi di Sidi
Azzaz e Buq Buq.3 Circa 3.000 ebrei libici furono spediti in questi campi, dove il loro lavoro fu utilizzato per costruire strade e le ferrovie necessarie per spostare i rifornimenti di guerra al fronte.

Sebbene le condizioni di vita in questi campi fossero precarie, cibo e assistenza medica adeguati venivano ricevuti regolarmente.

Giado (o Jado), al confine del deserto, 235 chilometri a sud di Tripoli, era il più brutale dei campi in Libia. Jado era un ex accampamento militare, circondato da un recinto di filo spinato. I suoi comandanti erano italiani e le guardie erano poliziotti italiani e arabi. Nel giugno del 1942 gli italiani
avevano deportato, a tappe, un totale di 2.584 ebrei a Jado; tutti tranne 47 di loro erano ebrei libici.

Le condizioni di vita nel campo erano miserevoli. Il campo era sovraffollato: decine di famiglie dormivano in uno spazio di quattro metri e separate solo da lenzuola e coperte. Le razioni alimentari giornaliere consistevano in pochi grammi di riso, olio, zucchero e sostituti del caffè.

Gli uomini di età superiore ai 18 anni venivano mandati ogni giorno ai lavori forzati. La carenza d’acqua, la malnutrizione, il sovraffollamento e la sporcizia hanno intensificato la diffusione di malattie
contagiose. I detenuti hanno seppellito i morti in un cimitero su una collina fuori dal campo che era stato un antico cimitero ebraico. Oltre a questa miserabile esistenza, l’italiano ggli uardi del campo si divertivano ad umiliare gli ebrei. Dei quasi 2.600 ebrei inviati a Jado, 562 ebrei morirono di debolezza e fame, e soprattutto di febbre tifoide e tifo.

Questo fu il numero più alto di vittime ebree nei paesi islamici durante la Seconda guerra mondiale.Nel gennaio 1943 le guardie del campo se ne andarono. Diverse settimane dopo arrivarono i soldati britannici, ma molti dei prigionieri non potevano essere spostati a causa delle loro cattive condizioni
fisiche. I primi ebrei tornarono alle loro case da Jado nella primavera del 1943 e l’ultimo gruppo di prigionieri lasciò Jado solo nell’ottobre del 1943.L’idea stessa di essere mandato nel campo di Jado terrorizzò gli ebrei della Cirenaica:
“Ogni due settimane, gli oppressori affiggevano nelle sinagoghe un elenco delle famiglie che dovevano prepararsi alla partenza. Siamo stati portati in camion merci in un viaggio di cinque giorni.
Di notte abbiamo dormito sotto le stelle. In tutto sono state portate via 2600 persone. Avevo 18 anni all’epoca. Siamo stati costretti a lavorare per 12 ore di fila, senza sosta, zappando e trasportando
terra. È evidente che con il magro cibo che abbiamo ricevuto e il lavoro massacrante, potremmo aspettarci una morte lenta e tortuosa (come nei campi di lavoro in Europa).
Abbiamo organizzato
una delegazione di ebrei per andare dal comandante e chiedere razioni maggiori. L’ufficiale ha riso di noi e ha detto: “Non ti abbiamo portato qui per supportarti. Semplicemente non volevamo sprecare
proiettili su di te. Ora torna al lavoro!”
Nel 1944, la maggior parte di loro fu inviata a Bergen Belsen.

Tripoli fu liberata dagli inglesi il 23 gennaio 1943 e Jado fu liberato il giorno successivo. Una volta liberata la Libia, le leggi razziali contro gli ebrei furono abrogate. Tuttavia, le condizioni per gli ebrei non migliorarono molto. Nel novembre del 1945 ci fu un feroce pogrom di tre giorni contro gli ebrei a Tripoli: 120 ebrei furono assassinati, altre centinaia furono feriti e almeno cinque sinagoghe furono
completamente distrutte. I rivoltosi non solo hanno distrutto e saccheggiato le sinagoghe della città,ma hanno anche rovinato centinaia di case e attività commerciali.

In foto : Gli ebrei sopravvissuti all’Olocausto tornano in Libia dal campo di concentramento di Bergen-Belsen

Faelino Raphael Luzon

Redazione Radici

Redazione Radici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.