Virus, basta la stretta del governo?

Virus, basta la stretta del governo?

di Paolo Pagliaro

Dell’anno che sta per chiudersi, l’81% degli italiani ricorda soprattutto la corsa alle vaccinazioni contro il Covid. Per 3 cittadini su 4, il 2021 è stato anche l’anno dell’arrivo di Mario Draghi alla guida del governo. Sono i dati che emergono dal sondaggio condotto dall’Istituto Demopolis.


Il 60% ricorderà invece il successo della nazionale agli Europei di calcio e il 43% le tante vittorie dell’Italia alle Olimpiadi di Tokyo. A segnare, invece, il 2021 nel mondo, per 2 intervistati su 3 è stata la fuga da Kabul con il ritorno al potere dei talebani. Il 53% ricorda l’assalto al Campidoglio, a Washington, il 6 gennaio. Oltre un terzo degli italiani segnala l’uscita di scena di Angela Merkel e il dramma dei migranti nell’Europa dell’est e nel Mediterraneo.


Demopolis ha verificato anche gli stati d’animo più diffusi alla fine del 2021. Prevalgono su tutto l’incertezza, dichiarata dal 54%, e la stanchezza. Ma ci sono anche sentimenti di segno positivo. Quasi un italiano su due dice di avere speranza e fiducia nei prossimi mesi. Le attese per il prossimo anno sono, nell’ordine, che il Covid venga sconfitto, che la sanità venga davvero potenziata, che il PNRR sia ben gestito e che, con la ripresa economica, cresca anche l’occupazione. Dice Pietro Vento, direttore di Demopolis, che il sentimento prevalente è un’inedita – per i costumi italiani – voglia di stabilità. Il 66% è perché il governo duri fino alla fine della legislatura.

Redazione Radici

Redazione Radici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.