Thailandia. Si è svolto dopo due anni il Festival delle scimmie. In migliaia hanno banchettato con frutta e verdura

Thailandia. Si è svolto dopo due anni il Festival delle scimmie. In migliaia hanno banchettato con frutta e verdura

Ogni anno, la città di Lopburi, nel centro della Thailandia, l’ultima domenica di novembre, i residenti organizzano una festa esclusivamente per 3.000 macachi dallacoda lunga, il monkey Festival. Osservate da turisti e gente del posto, migliaia di scimmie  hanno banchettato con due tonnellate di frutta e verdura dopo che il Monkey Festival della città è ripreso dopo una pausa di due anni causata dalla pandemia.Situata a 93 miglia da Bangkok, le prove archeologiche confermano che Lopburi è stata abitata ininterrottamente per almeno 3.000 anni: questo la rende una delle città più antiche e storiche della Thailandia. A causa di millenni di abitazione umana, la città vanta innumerevoli siti antichi risalenti a una varietà di civiltà e dinastie.Centinaia di macachi, noti anche come scimmie dalla coda lunga , sono stati visti arrampicarsi su persone e pile di frutta, sgranocchiando banane e ananas.La festa, che costa oltre 100.000 baht ($ 3.000), è una tradizione annuale per i locali per ringraziare le scimmie per aver fatto la loro parte nell’attrarre turisti a Lopburi, che a volte è conosciuta come “Provincia delle scimmie”.Il tema del festival di quest’anno erano le scimmie su sedia a rotelle e Yongyuth ha pianificato di donare 100 sedie a rotelle alle persone bisognose.I turisti sono gradualmente tornati in Thailandia dopo che il governo ha lanciato a novembre un programma di viaggio senza quarantena per i turisti vaccinati e il festival si è rivelato un’attrazione popolare.Alcuni turisti sono stati visti giocare con le scimmie con le loro macchine fotografiche. La ripresa della tradizione ha soddisfatto anche i locali.“È la prima volta in due anni che le scimmie mangiano tutti i tipi di frutta e verdura”, ha detto Thanida Phudjeeb. “Sono felice per loro”.

Redazione Radici

Redazione Radici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *