In Afghanistan sono rimaste bloccate 81 studentesse della Sapienza

In Afghanistan sono rimaste bloccate 81 studentesse della Sapienza

Le ragazze erano nelle liste del ministero della Difesa ma a causa degli attentati non hanno potuto raggiungere l’aeroporto. “C’è l’impegno di aiutarle”, assicura il presidente della fondazione Roma Sapienza

MENUSearchACCEDI

IN PRIMO PIANO

 agi live13:57L’appello del Papa per l’Afghanistan: “Dialogo e solidarietà per la pace”13:47In Afghanistan sono rimaste bloccate 81 studentesse della Sapienza12:00Nuovi sbarchi di migranti in Salento, Lampedusa è allo stremo11:51L’uragano Ida si rafforza a categoria 4 con venti a 200 km. orari, Louisiana in allerta10:15L’allarme di Biden: “Nuovo attacco a Kabul molto probabile nelle prossime ore”13:57L’appello del Papa per l’Afghanistan: “Dialogo e solidarietà per la pace”13:47In Afghanistan sono rimaste bloccate 81 studentesse della Sapienza12:00Nuovi sbarchi di migranti in Salento, Lampedusa è allo stremo11:51L’uragano Ida si rafforza a categoria 4 con venti a 200 km. orari, Louisiana in allerta10:15L’allarme di Biden: “Nuovo attacco a Kabul molto probabile nelle prossime ore”

In Afghanistan sono rimaste bloccate 81 studentesse della SapienzaMENULE SEZIONI

I FORMAT AGI

HOME > ESTERO

In Afghanistan sono rimaste bloccate 81 studentesse della Sapienza

Le ragazze erano nelle liste del ministero della Difesa ma a causa degli attentati non hanno potuto raggiungere l’aeroporto. “C’è l’impegno di aiutarle”, assicura il presidente della fondazione Roma Sapienza

Ci sono 81 studentesse afghane iscritte all’Università degli studi di Roma “La Sapienza” che erano sulla lista del Ministero della Difesa per essere trasferite in Italia ma sono rimaste bloccate a Kabul.

Lo conferma il rettore dell’Università Eugenio Gaudio aggiungendo che con il prorettore agli affari internazionali Bruno Botta, si sta lavorando a 360 gradi “per sostenere gli studenti afghani iscritti alla Sapienza attraverso fondi con la Fondazione Roma-Sapienza”, aggiungendo che con il prorettore agli affari internazionali Bruno Botta, si sta lavorando a 360 gradi “per sostenere gli studenti afghani iscritti alla Sapienza attraverso fondi con la Fondazione Roma-Sapienza”.

“C’è impegno – ha detto all’AGI l’ex Rettore che è anche presidente della Fondazione Roma Sapienza – per aiutare questi studenti in difficoltà”. La notizia dell’iscrizione della lista di 81 ragazze che dovevano iniziare i corsi all’Università La Sapienza di Roma, è stata data dal prorettore in una intervista al Gr1. Le giovani afghane dovevano partire ma a causa degli attentati degli ultimi giorni sono dovute tornare indietro

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.