Emozioni e Informazioni nel film “AU”

Cultura

AU è il cinema che non t’aspetti, perciò merita l’attenzione di tutti, ora!

L’autismo è un mistero, per studiosi e famigliari, tra fascino e realtà. Esso è un disturbo della comunicazione e della percezione del mondo circostante, che si riflette sull’interazione sociale.

In Italia si stima che l’un per cento della popolazione giovanile soffre dello spettro autistico e nella vicina Ucraina i dati sono molto simili. Non è ben chiaro il suo sviluppo ma al momento non esistono soluzioni.

Ogni anno il numero dei ragazzi affetti da autismo cresce del’11-13 % e per non far passare sotto voce questo dato Olga Kalchugina, con il sostegno del Ministero della Cultura ha voluto descrivere in punta di piedi l’approccio delle famiglie, a Kiev come a Roma. Ecco che AU, il lavoro diretto dalla regista ucraina è un condensato di fotogrammi potenti ma delicati cha aiutano a riflettere sul significato profondo e concreto dell’inclusione. Il docufilm sviluppa la narrazione attorno a due donne, Olga e Svetlana, dalla forza interiore invisibile e avvincente.

Danya a Roma e Tima a Kiev, sono i veri protagonisti, non perché autistici, ma perché ragazzi con cui ogni ragazzo del mondo può intravedere le proprie emozioni.

Se le distanze separano, le emozioni uniscono e l’uscita del lavoro, prodotto da For Post, in questo periodo pandemico ricorda che molti uomini e donne vivono di speranza ogni giorno.

Distribuire nel mondo speranza, attraverso il film AU è un impegno di tutti, perché l’attitudine all’empatia- la capacità di sostenersi l’un l’altro- è la prima caratteristica di una civiltà.

Ancora” la colonna sonora del docufilm è del Rapper Daniele Smalin, mentre la regia è della stessa sceneggiatrice. Proprio la Kalchugina si rallegra della possibilità che il docufilm, oltre a raggiungere le scuole ucraine possa essere richiesto anche dai dirigenti scolastici italiani perché la pellicola è un frammento di vita reale, che scuote, emoziona, commuove.

La prima nazionale del film, tramite il collegamento dei personaggi italiani in diretta con il cast e la produzione da Kiev, ha stimolato l’interesse trasversale della critica cinematografica, così da intravedere una ravvicinata distribuzione internazionale con la riapertura delle sale cinematografiche.

Giuseppe Scarlato


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *