Connessioni Ashraf Fagih:sei domande ad uno scrittore saudita alla scoperta del suo nuovo romanzo “A Portrait of the Void” رسم العدم

Cultura

Di Valeria De Carlo

Ashraf Fagih: sei domande ad uno scrittore saudita alla scoperta del suo romanzo “A Portrait of the Void” رسم العدم

Le connessioni tra il mondo arabo e quello italiano possono passare anche attraverso testi che raccontano l’incontro tra i due sostrati culturali.

All’interno di questa rubrica si inserisce, con grande interesse, la figura di uno scrittore saudita che ha creato una singolare connessione con il mondo matematico italiano ben rappresentato nel suo romanzo.

Ashraf Fagih è uno scrittore e romanziere saudita, il cui ultimo romanzo è رسم العدم “A Portrait of the Void”, pubblicato da Takween House- Kuwait nel 2020.

Si tratta di un’opera di narrativa storica sulla vita di Leonardo Pisano in realtà conosciuto come Leonardo Fibonacci.  Il romanzo, dal titolo tradotto in italiano “Un ritratto del vuoto”, esplora il retroscena dell’introduzione, da parte di Leonardo Pisano alias Fibonacci, del numero Zero e dei numeri arabi in Europa nel XIII secolo.

Fibonacci fu un rinomato matematico che trascorse la sua giovinezza nell’Africa settentrionale, precisamente in Algeria, nel XII-XIII secolo.

Prima di stabilirsi nella sua città natale, Pisa, trascorse alcuni anni tra Siviglia e l’Egitto, allora governati dagli arabi. Tutte queste influenze del mondo orientale lo ispirarono nella stesura del suo primo libro “Liber Abaci”, nel 1202, conosciuto soprattutto per aver adottato i numeri arabi, tra cui lo Zero.

Il romanzo di Fagih è quindi una biografia di Fibonacci, ma anche un fervido racconto descrittivo delle complessità sociali, teologiche e politiche dell’epoca. Leonardo Fibonacci condusse inoltre una bella lotta considerando l’evidente opposizione della Chiesa ai suoi “pensieri orientali”.

Il romanzo, come ci tiene a sottolineare Fagih, conduce il lettore durante il Medioevo intorno a tutto il Mediterraneo riflettendo sulle reazioni tra il mondo musulmano e cristiano che contemporaneamente si scontravano e coesistevano.  È stato un viaggio affascinante, continua Fagih, scoprire questa storia e studiare l’intrigante relazione tra Fibonacci e l’imperatore Federico II, che era lui stesso un grande ammiratore della cultura araba. Federico II è ben noto come personaggio affascinante e controverso e Fagih non ha lesinato nel raccontare lo scontro dell’imperatore con il Papa nonché la crociata di Federico II particolarmente avventurosa e avvenuta negli 1228-1229.

Chi è Ashraf Fagih?

Con immenso piacere lascio due note della sua biografia; ho avuto modo di conoscerlo da vicino e apprezzarne l’estesa cultura.

Ashraf Fagih ha iniziato a scrivere molto presto tanto che all’età di 20 anni ha pubblicato la prima delle sue tre antologie di fantascienza. Nel 2012, è passato alla narrativa storica con il suo primo romanzo “The Impaler” che esplora le origini orientali della leggenda del conte Vlad Dracula. 

Ashraf Fagih ha conseguito un dottorato di ricerca in Informatica. La sua familiarità con la famosa Sequenza Fibonacci lo ha portato a indagare ulteriormente la storia della matematica, portandolo a scrivere e pubblicare il romanzo di cui sopra. Ashraf Fagih è un veterano appassionato di “pop-science”. Tra il 2014 e il 2017 è stato capo redattore scientifico della rivista “Al-Qafilah”. Nel 2013, è diventato il primo arabo in assoluto a fornire un corso MOOC tramite la piattaforma elettronica Rwaq. Il suo corso “Come pensano le macchine? Un’introduzione all’informatica” è stato seguito da 15.000 studenti sparsi in tutto il Mondo.

Qui di seguito si può apprezzare il pensiero di questo interessante scrittore saudita attraverso sei semplici domande che hanno soddisfatto sei mie, personali, grandi curiosità.

1.Cosa l’ha spinta a scrivere questo libro?

Mi piace molto scoprire storie alternative, secondo la visione unica di ogni narratore.

C’è un educatore in me che ama diffondere la gioia della conoscenza primordiale. Questo romanzo comprende diversi resoconti e domande affascinanti: perché noi arabi dovremmo preoccuparci di Leonardo Fibonacci? In che modo lo Zero è collegato alle Crociate? Perché la Sicilia era importante quanto l’Andalusia come punto di incontro tra le civiltà? Come gli europei illuminati consideravano i loro pari arabi durante il Medioevo? Ho sempre conosciuto Leonardo Pisano (AKA Fibonacci) come una figura storica e un eminente matematico. Come professore universitario, insegnavo le sue serie a studenti di informatica del primo anno. Anche al di fuori degli ambiti dell’Accademia, Fibonacci è quasi un nome di famiglia, associato oggi alla cosiddetta sezione aurea. Conosciamo tutti la figura a spirale che simboleggia la perfezione ingegneristica. Quindi, sono stato piuttosto sorpreso di scoprire alla fine del 2015, mentre cercavo un articolo sulla storia di Zero, che Leonardo Fibonacci è storicamente acclamato per aver introdotto lo zero e i numeri arabi in Europa nel 13imo secolo. È ampiamente noto che il sistema numerico applicato oggi è originariamente indù / arabo. Ma dopo aver svelato l’eroe dietro la maschera, sono stato in grado di tracciare personalmente per la prima volta le connessioni storiche. Ulteriori letture mi hanno portato all’interessante svolta che coinvolge l’imperatore Federico II e tutti i grandi pensatori musulmani come Al-Khwarizmi coinvolti nel presunto complotto. Un giorno nel 2019, mi sono ritrovato a pensare: questa potrebbe essere una bella storia che vale la pena scrivere! Ho iniziato a scrivere nel marzo 2020.

                                 (Immagine per concessione dello scrittore )

2.Ha delle abitudini particolari durante la scrittura?

Mi prendo il mio tempo per pensare alla trama. Una volta che sono convinto di una tesi interessante, o di un’angolazione diversa per narrare una data storia, passo più tempo a leggere e indagare per costruire un background sufficiente. Questo è un processo tedioso per realizzare come i miei personaggi parlerebbero, penserebbero e reagirebbero in circostanze specifiche. La ricerca è una parte cruciale del mio processo di scrittura poiché sono interessato alla l’evidente narrativa storica. La raccolta di informazioni di base adeguate mi aiuta a immergermi nel tema o nel periodo che sto coprendo. Aiuta anche a scoprire angoli nascosti della narrazione e identificare potenziali personaggi secondari. Prendo molti appunti e scrivo mini-biografie dei personaggi; come sembrano, qual è la rete di persone e incidenti che li collegano, quali esperienze li hanno modellati e i loro pensieri, ecc. Un elemento particolarmente importante della mia fase di preparazione è la sequenza temporale: cosa è successo e quando? Chi era coinvolto? Una volta che inizio a scrivere, vengo completamente inghiottito e disconnesso dalla normale routine della vita. Penso al testo mentre mangio e dormo, e pronuncio i dialoghi ad alta voce a me stesso mentre e prima di metterli in frasi scritte. Mi prendo molta cura del mio ambiente di scrittura. Il mio studio a Dammam è il mio santuario della scrittura. Ha tutto a che fare con l’atmosfera giusta. Una volta che sono pronto, scrivo quasi subito dopo il risveglio. Uso la musica per ispirare la mia immaginazione. Con questo romanzo ho ascoltato la colonna sonora della Serie TV (Medici). E poiché ho usato una forma di linguaggio classica per riflettere meglio il periodo in “A Portrait of the Void”, ho trascorso le mie pause leggendo la letteratura classica araba per arricchire il mio vocabolario e mantenere il mio linguaggio nel personaggio, in senso figurato.

Sono fortunato ad avere brillanti lettori, scrittori ed editori nella mia stretta cerchia di amici. Mi affido molto a loro durante e dopo la prima stesura. Le riscritture dipendono dall’incisività delle loro critiche.

3.Quando scrive un nuovo libro ha già tutta la storia in mente o la elabora strada facendo?

Di solito inizio con una scena introduttiva molto vivida. Conosco la trama di base e identifico accuratamente il nodo che sto sciogliendo. Il finale di solito si materializza man mano che vado avanti. E mentre scrivo, i personaggi maturano, le loro interrelazioni diventano più vivaci. Questo si trasforma in ulteriori sviluppi della storia che scelgo di utilizzare per arricchire la trama principale. A volte, un breve dialogo mi ispira a indagare ulteriormente su un dato evento o figura storica e aggiungere ulteriori dettagli alla trama. È come perdersi nello stupore, dove conosci il percorso esatto per l’uscita, ma scegli deliberatamente di aprire altre porte per il bene di un’esperienza più ricca!

Naturalmente, c’è molto da riscrivere, cancellare e modificare lungo la strada.

4.Come ha scoperto la Sua passione per la scrittura? Come l’ha coltivata?

Ho scritto la mia prima storia quando avevo otto o nove anni. Mio padre ha sempre avuto una ricca biblioteca e credo di aver sempre voluto far parte di questo intrigante mondo di autori, immaginando il mio nome accanto al loro sugli scaffali.

Ho letto molto crescendo nel periodo precedente a Internet. Più leggevo, più mi affascinavano il mondo letterario, aspirando a colossi come Tolstoj, Asimov e Umberto Eco. Inutile dire che il ragazzo in me sta ancora vivendo il sogno. Sono anche convinto che noi arabi dobbiamo essere riscoperti, sia all’interno che all’esterno dei nostri confini nazionali. Dobbiamo presentarci al resto del mondo attraverso molte incredibili storie non raccontate. Tali storie sono così non convenzionali che credo saranno altrettanto sorprendenti e illuminanti per noi, così come per il lettore straniero.

5.Cosa legge solitamente?

Userò il cibo qui come analogia. Sono sempre aperto a nuove esperienze. Mi piace la gastronomia così come mi diverto alle bancarelle di cibo per strada. Eppure ho i miei gusti. Naturalmente amo il genere scientifico e le grandi storie. In che modo piccoli eventi e figure marginali hanno partecipato al disegno del quadro più ampio? Ho letto filosofia, teologia e arte. Amo la letteratura classica russa. Mi piacciono allo stesso modo Jose Saramago, Orhan Pamuk e Haruki Murakami. Tra gli arabi adoro soprattutto Abdul Rahman Munif, Amin Maalouf e Yusuf Idris. Gran parte della mia biblioteca è dedicata alla storia della penisola arabica. Questa è una miniera d’oro, particolarmente sconosciuta agli scrittori, secondo me.

6.Come vede il mondo della scrittura in Arabia Saudita nel prossimo futuro?

I sauditi leggono abbastanza ampiamente. Il mercato del libro saudita è il più grande del mondo arabo. Questo è un segno promettente per una generazione di scrittori eccezionali in divenire. Ci sono molti nomi emergenti. Tre sauditi hanno vinto il premio equivalente all’Arabian Booker negli ultimi anni. Questa è una chiara indicazione di una base solida. Tuttavia, prevedo che mentre ci apriamo alle nostre sfide esistenziali e condividiamo le storie poco conosciute nella nostra colorata eredità e storia, mentre diventiamo parte delle nostre identità sfaccettate, il mondo sarà testimone di un’ondata di grandi opere saudite nel prossimo futuro.

Chiudo questo articolo dichiarando ad Ashraf Fagih la mia immensa gratitudine per avermi permesso di evidenziare una sorprendente connessione culturale tra il mondo arabo e quello italiano, in campo scientifico, con una storia che risale a molti, molti anni addietro.

Valeria De Carlo – Arabia Saudita

 

 

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *