Sfida col Milan in Coppa, Gasperini “Ce la giochiamo”

BERGAMO (ITALPRESS) – “Il calcio è forse l’unico sport dove c’è anche il pareggio, ma domani qualcuno dovrà uscire vincitore, non ci sono chance. Dando per improbabile lo Scudetto e le coppe europee, la Coppa Italia è il trofeo più arrivabile, domani andiamo lì per giocarci questa competizione”. Gian Piero Gasperini ha le idee chiare, l’Atalanta vuole giocarsela a tutti i costi: i nerazzurri sfideranno il Milan nei quarti di finale di Coppa Italia con l’obiettivo di strappare la quarta semifinale sotto la gestione del tecnico di Grugliasco. “Il Milan in casa è una squadra forte – ha ribadito in conferenza stampa -, di assoluto valore. Sembra aver superato anche il momento di difficoltà, l’attenzione va solo ed esclusivamente alla partita”. La testa sarà tutta rivolta a una sfida fondamentale, da dentro o fuori, praticamente il secondo atto del match vinto 3-2 in campionato col colpo di tacco di Luis Muriel in pieno recupero. “Domani ci può essere una partita che può andare oltre ai 90 minuti. De Ketelaere e Miranchuk stanno facendo bene, ma le gerarchie si alternano. Tutti giocano, ricordiamo la partita di campionato in cui l’ingresso di Miranchuk e Muriel decise la gara. Questo è il calcio moderno con le cinque sostituzioni, tutti utilizzano i giocatori in attacco nei finali, ormai è diventata una normalità”. Per quanto riguarda chi si presenterà dal dischetto in caso di calci di rigore, visto che l’Atalanta non ha avuto a favore nessun calcio di rigore nel girone d’andata, Gasperini ha risposto che “il problema non è quest’anno, ormai dobbiamo fare un anno intero visto che l’ultimo lo abbiamo avuto nell’8-2 con la Salernitana. Nel girone d’andata siamo stati l’unica squadra a non aver avuto un rigore a favore, ma anche nel girone di ritorno dello scorso anno. Non ci sono stati episodi clamorosi – ha proseguito -, non siamo molto abili a fare tuffi dentro l’area ed evidenziare certi episodi che stanno diventando rigori certi, c’è una ricerca spasmodica a ingannare l’arbitro. E a far credere che questi siano rigori. Ormai ogni contatto è un rigore”. Ma il focus è tutto sulla partita: “Eventuale semifinale con Bologna o Fiorentina? Giochiamo a San Siro contro il Milan, poi eventualmente ci penseremo. Domani sarà uno scontro molto importante”.– foto Ipa Agency –(ITALPRESS)

Redazione Radici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.