Turismo, Ezhaya (Astoi) “Nel 2023 recuperati ricavi, 2024 sarà tonico”

Turismo, Ezhaya (Astoi) “Nel 2023 recuperati ricavi, 2024 sarà tonico”

MILANO (ITALPRESS) – Il 2023 “finalmente è stato il primo anno pieno dopo una pandemia terribile, ancora non siamo ai livelli del 2019 che è stato l’ultimo anno ‘sanò pre-pandemia, però abbiamo quasi recuperato tutti i volumi e tutti i ricavi. E’ stato un anno tonico” in cui “finalmente abbiamo potuto fare il nostro lavoro”. Lo ha detto Pier Ezhaya, General Manager Tour Operating di Alpitour World e presidente di Astoi Confindustria Viaggi, l’associazione che rappresenta il tour operating italiano, intervistato da Claudio Brachino per il magazine televisivo Italpress Economy.Per il 2024 si prevede “una crescita soprattutto del segmento del turismo organizzato quasi del 12% per il 2024, poi come si muoverà questa crescita bisognerà leggerlo perchè lo scacchiere mondiale è sempre un pò fluido, però in linea di massima ci aspettiamo un mercato ancora tonico l’anno prossimo”.Per il periodo natalizio, i dati “sono molto positivi, li abbiamo anche ‘confezionatì con un maggior anticipo: questo per gli operatori è un fattore estremamente importante, perchè permette di pianificare per tempo e di irrobustire la propria programmazione – sottolinea Ezhaya -. Nelle settimane clou, tra Natale e Capodanno, prevediamo una crescita dell’11% sui ricavi del 2022, poi la mappa si è spostata in funzione anche di quello che è accaduto in Medio Oriente però assistiamo un lungo raggio molto tonico, vediamo una ripresa anche dei viaggi itineranti: bisogna aiutare le persone più a sentire dentro che vedere fuori, hanno bisogno di vivere i luoghi e le esperienze, venendo in contatto anche con le popolazioni locali”.La maggior parte delle imprese del settore “sono medie, spesso poco capitalizzate: è un settore che non garantisce redditività molto elevate e questo fa sì che le aziende possano investire poco in ricerca e tecnologia – sottolinea il presidente di Astoi – Confindustria Viaggi -. E’ un settore molto sensibile non solo alle fluttuazioni economiche, ma anche ai cambiamenti sociali, politici e di costume. Quello che sta accadendo anche adesso con l’intelligenza artificiale pone forti interrogativi su come questo settore dovrà rispondere a un cliente che probabilmente avrà degli strumenti nuovi. Abbiamo bisogno di capirlo per tempo”, quindi serve “formazione e avremmo bisogno di un aiuto sulla digitalizzazione. Dobbiamo utilizzare le nuove tecnologie per arrivare più in fretta e per avere più informazioni, però ci sono delle cose che viaggiano su un ‘binario umanò e non le dobbiamo perdere: dietro a una vacanza c’è soprattutto questo. Ad esempio il ruolo delle agenzie di viaggio” che “per molti ha fatto il suo tempo, credo che sia estremamente attuale: ovviamente bisogna riconfigurarsi e immaginarsi con un modello nuovo da proporre al cliente, però vedo ancora l’uomo in vantaggio sulla tecnologia”.Per quanto riguarda gli scioperi che in qualche modo impattano sul settore, “dipende da come gli operatori si comportano: ad esempio, non appena viene dichiarato lo sciopero, molte compagnie aeree già cancellano i voli. Credo che questo finisca per dare maggiore forza all’evento, prima ancora che si sia verificato: questa misura ‘preventivà che permette alle compagnie aeree di cancellare i voli solo perchè è stato dichiarato uno sciopero, forse andrebbe regolamentata, su questo la normativa può fare molto”.
– Foto Italpress –
(ITALPRESS).

Redazione Radici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.