L’Amore

L’Amore

di Tommaso Genovese

Di cosa possiamo parlare, parliamo di certezze, ma di cosa possiamo essere realmente certi?

Questa è una domanda difficile a ogni età, l’uomo nella sua vita può essere sicuro di una cosa: di avere poche certezze. Potremmo parlare di tristezza, potremmo parlare di rabbia e di ansia. Ma perché invece non parliamo del sentimento che primo tra tutti primeggia quando nasciamo, l’amore. L’amore di una mamma è la prima emozione che sentiamo realmente nostra, ma oggi voglio concentrarmi sull’amore di fatto, quello a cui tutti noi andiamo incontro. Il sentimento d’amore in un ragazzo, nel suo essere insicuro e nel suo trovare la sua parte mancante, nella ricerca, nel trovarla e poi perderla e poi rialzarsi in questo mare. Poniamoci una domanda per iniziare: “cos’è l’amore”?

Ora che anche tu te la sei posta possiamo iniziare questa piccola esperienza che è questo articolo. Buona lettura.

Cos’è l’amore se non quello che ci spinge, quella forza che ci fa cadere ma allo stesso tempo ci permette di rialzarci. Ascoltando la musica o leggendo  poesie capiamo quanto l’uomo  ha sempre cercato di amare e nell’amore ha sempre creato il suo mondo ideale.

Dante ha dedicato un’intera opera a Beatrice, ha impiegato anni della sua vita solo per un saluto che in lui ha aperto una breccia. Leopardi era introverso ma quel canto gli è bastato per capire di amare Silvia. Bukowski era così tormentato dalla morte di Jane che per lui era impossibile lasciarla andare e cercò in tutti i modi di tenerla dentro la sua scrittura per non farla fuggire. Ora come secoli fa l’amore è la musa ispiratrice di ognuno di noi che ci permette di rendere quel pomeriggio grigio e triste in un viaggio nell’immaginazione.

Viviamo così, siamo felici e non lo sappiamo, amiamo e ce lo chiediamo, a volte  ci sembra che la guerra ci sia anche da noi, anche perché dentro di noi avvengono così tante esplosioni che a volte ci rendono ciechi e ci rendono sordi. Ci nascondiamo in una canzone, in un film, dietro i social, amiamo l’amore ed è così strano che una cosa che amiamo tanto ci spaventi altrettanto. Crediamo di sapere cosa stiamo provando e invece ci sorprendiamo quando capiamo di aver sbagliato strada. Ne siamo terrorizzati, cadiamo quando il ponte delle nostre certezze traballa e se rimaniamo appesi per puro miracolo, ci chiediamo se siamo stati noi o se qualcuno ci ha messo una mano.

Ci arrendiamo spesso e non sappiamo dove fuggire, cerchiamo ripari e se li troviamo ci culliamo in quello spazio di vita che tanto si allontana da quel senso di solitudine che ci spaventa, siamo soli e cerchiamo qualcuno, lo troviamo e vogliamo stare soli, ma anche questo è il bello della vita, cerchiamo e evitiamo, amiamo e scappiamo, forse l’uomo si è imperfetto ma nel suo essere imperfetto scandisce quei momenti che compongono la vita. Ama incessantemente e nell’amore perseguite anche nel suo errore. Ragiona nel giusto ma alla fine cade nell’errore, ma se sappiamo perché continuiamo.

La risposta a questa domanda è semplice, quel singolo istante di gioia rende tutto il percorso seppur tortuoso qualcosa di meraviglioso, bello come vedere un’aurora boreale e quell’istante giustifica mesi e anche anni di sacrifici. Quindi ama ora, non aspettare perché tutto ciò sarà giustificato da quel singolo momento che vale più di ogni viaggio nella tua immaginazione.

Tommaso Genovese

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.