Mercato libero 2024: Costi dell’Energia calmierati per 4,5 Milioni di Famiglie Italiane Vulnerabili

L’Italia si avvicina alla transizione dal mercato tutelato a quello libero, prevista per Gennaio 2024. Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera alle nuove regolamentazioni nel mercato tutelato per la distribuzione di energia elettrica implementando misure che, secondo quanto affermato da Palazzo Chigi, rispettano gli obblighi presi con il Pnrr aventi l’obiettivo di facilitare un passaggio graduale al mercato libero.

Prezzi Stabili per le Famiglie Italiane Vulnerabili

Con la ratifica delle nuove normative, il Consiglio dei ministri ha delineato un percorso per la realizzazione del passaggio al mercato libero dell’energia.

Circa 4,5 milioni di nuclei familiari classificati come “vulnerabili” manterranno l’accesso a forniture di energia elettrica a tariffe regolate, nonostante la liberalizzazione del mercato.

Le famiglie vulnerabili, identificate come quelle in gravi condizioni di salute, con apparecchiature salva-vita in casa, in condizioni economiche svantaggiate o con età superiore ai 75 anni, potranno dunque continuare a beneficiare di tariffe energetiche calmierate.

Inoltre, è prevista una campagna informativa specifica per accompagnare al meglio i consumatori nel passaggio al mercato libero. Anche Arera, insieme al Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica e alle principali associazioni dei consumatori, assicurerà un monitoraggio costante delle attività degli operatori e dei prezzi. Oltre a ciò, lo stesso processo di pagamento delle bollette verrà semplificato, con la possibilità di cambiare facilmente la domiciliazione bancaria e la libertà di scegliere il proprio fornitore.

Occorre poi ricordare che, in linea generale, questa transizione punta non solo a modificare la struttura del mercato, ma anche a prevenire aumenti ingiustificati dei prezzi e a garantire una fornitura energetica equa e trasparente, con un occhio di riguardo verso le famiglie in difficoltà.

Negli ultimi anni, l’andamento del PUN per la luce e del PSV per il gas sono stati i seguenti:

Implicazioni per le Aziende e Sviluppo Energetico Sostenibile

Il decreto legislativo che incornicia queste modifiche riguarda non solo le famiglie, ma ha anche importanti implicazioni per le aziende, in particolare per quelle che basano la propria attività principalmente sull’utilizzo dell’energia elettrica o di gas.

Difatti, tale decreto presenta alcune disposizioni che avranno delle conseguenze sui costi di gas ed elettricità e anche sulla decarbonizzazione, in particolare sullo stoccaggio della Co2 e sulla localizzazione degli impianti a fonti rinnovabili.

Inoltre, verranno implementate delle misure per sviluppare la nuova capacità di energia elettrica da fonti rinnovabili da parte delle imprese energivore, a dimostrazione di come la riforma energetica del 2024 rappresenta un passo significativo verso un futuro energetico più sostenibile e responsabile in Italia.

In conclusione, questa transizione, sebbene complessa, si preannuncia come un importante passo avanti verso un sistema energetico più efficiente, sostenibile ed equo. Le famiglie italiane e le aziende si trovano di fronte a una serie di cambiamenti e opportunità, che richiedono particolare attenzione e spirito di adattamento, e la tutela dello stato non può che essere d’aiuto nel soddisfare le loro esigenze. Fonte: https://www.contatti-energia.it/news/mercato-libero-2024-costi-dellenergia-calmierati/

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.