Olanda-Qatar 2-0, Orange agli ottavi di finale

La Nazionale di Van Gaal si impone con le reti di Gakpo e De Jong e chiude il girone A al primo posto.
Olanda-Qatar 2-0, Orange agli ottavi di finale

AL KHOR (QATAR) (ITALPRESS) – L’Olanda sbriga la pratica Qatar, vincendo 2-0, e stacca il pass per gli ottavi di finale dei Mondiali di calcio con il minimo sforzo. Gli Orange hanno controllato egregiamente la situazione, facendo girare palla e cercando di mettere benzina nelle gambe, in vista della fase a eliminazione diretta. Troppo evidente la differenza tra le due compagini per sperare in un risultato differente. L’Olanda prosegue la sua corsa; il Qatar, invece, chiude con tre sconfitte nelle tre partite del girone eliminatorio e zero punti in classifica. Mai in precedenza la Nazionale di un Paese che ha ospitato il Mondiale aveva chiuso il torneo iridato senza fare un solo punto.Il primo tempo comincia con un tiro senza pretese di Al Haydos poi è Blind a cercare fortuna in area avversaria (4′). Al 14′ Depay va al tiro, il pallone va alto di un soffio. Un paio di angoli non sfruttati a testa poi Depay fa le prove del gol (26′) che arriva, puntualmente, subito dopo quando è Gakpo a farsi strada in area ed a punire Barsham con la difesa granata che non chiude. La reazione qatariota è debole. L’Olanda controlla senza problemi le sfuriate degli asiatici. Gli Orange mantengono palla (68% di possesso all’intervallo), chiudendo in vantaggio al duplice fischio.Nella ripresa pronti via e De Roon crossa per Depay, Barsham respinge, Pedro è lento nel recupero, De Jong è il più veloce a intervenire e toccare in rete da pochi metri: 2-0. Al 14′ ottimo cross di Klaassen su cui non interviene nessuno. La partita potrebbe chiudersi qui. Invece al 23′ il terzo gol olandese viene annullato dal Var a Berghuis per un fallo di mano. La gara scema d’intensità. Non succede davvero più nulla sino alla fine. Un tiro sballato di Pedro Miguel e tanto controllo da parte degli olandesi che non rischiano più niente e, nei minuti finali, le sostituzioni occupano gran parte dell’interesse del pubblico. Infine, il recupero di ben 6 minuti, assolutamente inutile.– foto Image –(ITALPRESS).

Redazione Radici

Redazione Radici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.