Referendum, Renzi “7 milioni al voto per una riforma giusta”

ROMA (ITALPRESS) – “Oggi leggo tanta ironia contro chi è andato a votare per il referendum sulla giustizia, pur sapendo che raggiungere il quorum era praticamente impossibile, dopo che i quesiti più sentiti (dall’eutanasia alla cannabis, fino alla responsabilità civile) erano stati respinti. Mi sembra ingeneroso. Ci sono sette milioni di italiani che hanno chiesto […]
Referendum, Renzi “7 milioni al voto per una riforma giusta”

ROMA (ITALPRESS) – “Oggi leggo tanta ironia contro chi è andato a votare per il referendum sulla giustizia, pur sapendo che raggiungere il quorum era praticamente impossibile, dopo che i quesiti più sentiti (dall’eutanasia alla cannabis, fino alla responsabilità civile) erano stati respinti. Mi sembra ingeneroso. Ci sono sette milioni di italiani che hanno chiesto di dare priorità a una riforma della giustizia vera. Prenderli in giro con le ironie di queste ore solo per attaccare uno dei promotori è assurdo. Se volete prendervela con Salvini, avete mille motivi per farlo: io stesso non gli risparmio nulla durante gli eventi di questi giorni, a cominciare dalla storia del viaggio in Russia”. Lo scrive il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, sulla sua e-news.“Noi continueremo la nostra battaglia per una giustizia giusta. E milioni di persone che hanno votato sì sanno che daremo loro una casa seria e decisiva per il futuro del Paese. Continueremo la nostra battaglia non solo attraverso il libro (che per la terza settimana è in top ten e per la terza settimana è primo in saggistica) ma anche e soprattutto in Parlamento. Una riforma ci vuole. E non è la riforma Cartabia. Ne parleremo lunedì prossimo con Carlo Nordio a Castenedolo (Brescia). E ne parleremo giovedì in Senato”.-foto agenziafotogramma.it-(ITALPRESS).

Redazione Radici

Redazione Radici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.