Legittimità di Kabul dipende dai diritti delle donne

Legittimità di Kabul dipende dai diritti delle donne
 Il Dipartimento di Stato americano ha criticato le politiche dell’Emirato islamico su donne e ragazze, affermando che queste strategie avranno un impatto negativo sulle relazioni dell’Emirato islamico con Washington e il mondo.

“La legittimità, il sostegno che i talebani cercano dalla comunità internazionale, dipende dalla loro condotta, compreso centralmente e centralmente il rispetto dei diritti delle donne quando si tratta degli impegni pubblici e privati ​​che i talebani hanno assunto. Ne hanno presi alcuni, compresi i loro impegni contro il terrorismo, compreso il loro impegno a rispettare e sostenere i diritti umani delle donne, delle ragazze, delle minoranze dell’Afghanistan, compresa la libertà di accesso, la libertà di viaggio per coloro che desiderano lasciare l’Afghanistan e quando si tratta di ISIS K e Al-Qaeda. Naturalmente, i talebani non sono stati all’altezza dell’impegno assunto nel campo dei diritti umani”, ha affermato il portavoce del Dipartimento di Stato americano Ned Price.

Price ha aggiunto che il riconoscimento da parte di Washington della legittimità del nuovo governo dipende dalla sua garanzia dei diritti delle donne e delle ragazze, dalla lotta al terrorismo e da altre questioni in Afghanistan.

A seguito di notizie secondo cui l’Emirato islamico aveva istituito una commissione per convocare una Loya Jirga, un diplomatico dell’Unione europea ha affermato che la Loya Jirga non potrebbe migliorare l’attuale situazione in Afghanistan e non potrebbe dare legittimità all’attuale governo.

“Tenere una Loya Jirga non migliorerà la situazione e non basterà. Naturalmente, non vogliono ottenere il voto di fiducia del popolo. Tutte le parti devono accettarlo, ma tenere un incontro in cui non tutti sono presenti e non accettano non ne varrà la pena”, ha affermato Andreas von Brandt, rappresentante dell’UE per l’Afghanistan.

Brandt ha espresso preoccupazione per alcune restrizioni sulle donne, aggiungendo che le questioni che devono essere migliorate sono rimaste indietro.

Kabul ha sempre affermato che i diritti delle donne e delle ragazze sono garantiti nel quadro della legge islamica.

“Queste politiche hanno creato un divario tra il popolo e il governo, tra il governo e la comunità internazionale, in particolare con i paesi islamici, e hanno creato un’atmosfera soffocante in Afghanistan”, ha affermato Tariq Farhadi, analista politico.

In precedenza, Shahabuddin Delawar, capo ad interim del Ministero delle Miniere e del Petrolio, aveva parlato di istituire una commissione per convocare una Loya Jirga.

Redazione Radici

Redazione Radici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.