“Seeing the wood for the trees”: formafantasma alla triennale della fotografia di Amburgo

“Seeing the wood for the trees”: formafantasma alla triennale della fotografia di Amburgo
Nell’ambito della Triennale della Fotografia di Amburgo, in programma dal 20 maggio al 31 luglio, verrà inaugurata il 19 maggio, alle ore 17, presso la Kunsthaus la mostra fotografica “Seeing the Wood for the Trees“. Si tratta di una esposizione che presenta in tre parti l’ampio progetto di ricerca “Cambio“ del duo italiano di design Formafantasma, alias Andrea Trimarchi e Simone Farresin.

Sotto forma di saggi di immagini a collage cinematografico, essi tracciano lo sviluppo e la regolamentazione dell’industria globale del legname emersa nel XIX secolo, soprattutto nelle regioni colonizzate. Nelle fotografie dei due artisti viene rappresentata la natura come materia prima e merce di scambio e negli spazi viene raffigurato il rapporto dell’uomo con il suo habitat attraverso fotografie storiche, scientifiche e documentaristiche, supportate anche da spezzoni di film e frammenti di testi.
Il legno non è semplicemente fibra morta. In ogni albero è riportato un pezzo di storia del clima terrestre. Gli alberi registrano ogni cambiamento ambientale, non importa quanto piccolo sia, e memorizzano ciò che l’uomo fa sulla terra. Da quando l’uomo ha iniziato a considerare la foresta una merce, ha trascurato il fatto che gli alberi non solo forniscono combustibile e materiale da costruzione, ma costituiscono la base essenziale della nostra atmosfera.

Oltre alla mostra viene presentato un programma correlato: il 2 giugno alle ore 18:00 il fotografo Stefan Canham presenta il libro “The Town”; il 3 giugno, sempre alle 18:00, sulla piattaforma Zoom ci sarà un incontro con gli artisti Formafantasma che sarà moderato da Tulga Beyerle, direttore del Museo Kunst und Gewerbe di Amburgo; sempre il 3 giugno alle ore 19:30 su Zoom Teresa Castro, professore associato di Studi cinematografici presso l’Università Sorbonne Nouvelle, terrà una conferenza dal titolo “The Mediated Plant”; il 23 giugno, infine, alle ore 19:00 la biologa Jutta Kill terrà in presenza una conferenza su “La conservazione delle foreste e la lunga influenza delle colonizzazioni”.

Redazione Radici

Redazione Radici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.