Oscar 2022, dopo lo schiaffo di Will Smith alopecia alla ribalta: “Grande impatto psicologico”

Oscar 2022, dopo lo schiaffo di Will Smith alopecia alla ribalta: “Grande impatto psicologico”

L’Istituto Helvetico Sanders fa il punto sulla malattia di cui soffre Jada Pinkett Smith

“La cronaca che arriva dalla serata degli Oscar 2022 ha portato alla ribalta il tema di una malattia come l’alopecia areata che provoca un importante impatto psicologico a chi vive una simile condizione e che deve spingere tutti a esprimere un chiaro e pubblico sostegno a chi ne soffre e a incentivare gli studi nel settore scardinando ogni forma di discriminazione”, si legge così nella nota diffusa dall’Istituto Helvetico Sanders.

“Nel video pubblicato qualche mese sul suo profilo instagram, Jada Pinkett Smith“, moglie dell’attore Will Smith, “ha raccontato della sua patologia, evidenziando un problema più frequente di quanto si immagini: l’alopecia areata, una condizione tricologica che può causare smarrimento, paura e preoccupazione per l’importante cambiamento estetico che ne deriva“, dichiara la dottoressa Biancamaria Mancini, Responsabile Ricerca e Sviluppo dell’Istituto Helvetico Sanders realtà che da 35 anni si occupa del trattamento di tutte le principali problematiche dei capelli e del cuoio capelluto.

“Nel video, l’attrice, cantante e imprenditrice statunitense dichiara- si legge ancora nel comunicato- ‘Io e la mia alopecia diventeremo amiche’ il che sottolinea proprio il necessario processo di elaborazione della malattia per arrivare ad affrontare un tale cambiamento estetico”.

“Con questa patologia- continua Mancini- i capelli subiscono un effluvium acuto, cadono repentinamente e simultaneamente ‘a chiazze’, in uno o più punti del cuoio capelluto. La causa più accreditata alla base della sua insorgenza è quella autoimmune-cellulomediata, per cui vengono colpite proprio le nuove radici in anagen (fase di crescita del capello) interrompendone la crescita e creando una o più aree glabre”.

“Sebbene di grande impatto estetico, l’alopecia areata- conclude l’istituto- può essere reversibile. Un’accurata analisi tricologica permetterà subito di distinguere un’alopecia areata dalla classica e più comune alopecia androgenetica, caratterizzata invece da un defluvium in telogen (fase di caduta) associato a un lento ma continuo peggioramento diffuso delle ricrescite (miniaturizzazione dell’anagen)”.

Redazione Radici

Redazione Radici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.