La strada per il futuro della Libia attraversa Gerusalemme

La strada per il futuro della Libia attraversa Gerusalemme

Di Raphael Luzon 

Da quando la Primavera Araba ha spazzato via il regime di Muammar Gheddafi nel 2011, la Libia è diventata sinonimo di instabilità politica. Poiché il regime di Gheddafi era al potere da quando ha cacciato re Idris con un colpo di stato nel 1969, molti libici nostalgici bramano la presunta stabilità del regno di Gheddafi.

Questo è particolarmente vero perché il decennio passato è quello in cui la nazione mediterranea ricca di petrolio è stata lacerata da conflitti interni e guerra civile, di fatto. Questa è una conseguenza inevitabile di una società divisa in 140 tribù principali, e ulteriormente suddivisa in un vasto numero di sottotribù.

Nonostante i numerosi governi di “unità” falliti dalla caduta di Gheddafi, la situazione in Libia appare irrisolvibile. Tuttavia, questo è solo il caso a causa della persistente trascuratezza della Costituzione del 1951.

Come esaminato da un recente progetto pubblicato dal Cambridge Middle East and North Africa Forum, vi è un forte argomento a favore della (ri)adozione della Costituzione del 1951. Questa opzione non solo rappresenta il miglior mezzo per unificare la variegata popolazione della Libia, ma così facendo incarna anche il miglior quadro per le future relazioni estere del Paese.

Come dovrebbe una nazione condurre i suoi affari esteri senza una situazione politica interna stabile? Il progetto è la migliore illustrazione fino ad oggi di come la riadozione della Costituzione del 1951 sia la giusta linea d’azione per ragioni nazionali, oltre che internazionali, per quanto riguarda il rapporto che un tempo il paese aveva con la sua fiorente comunità ebraica un tempo.

Il fatto che il Regno di Libia godesse di un rapporto molto affettuoso con la sua comunità ebraica prima che Gheddafi rovesciasse la monarchia è troppo spesso dimenticato. È possibile, quindi, che la restaurazione del principe, Mohamed figlio dell’ex principe ereditari Hassan Al Reda, attuale principe ereditario e legittimo erede al trono di re Idris, unita a una costituzione che tuteli la libertà di coscienza (tra le altre importanti tutele dei diritti), crei circostanze tali da creare un quadro di stabilità interna che possa consentire, tra l’altro, il possibile riscaldamento delle relazioni tra Israele e Libia nell’ambito degli “accordi di Abram”” che hanno visto Israele stringere rapporti diplomatici storici con gli Emirati arabi, Bahrein, il Marocco, il sud Sudan e rapporti ancora non ufficializzati con l’Arabia saudita e addirittura il Qatar.

Il capo di stato maggiore dell’esercito israeliano e` stato in visita ufficiale la scorsa settimana negli Emirato dove ha incontrato il proprio omonimo ed anche il capo di stato dell’esercito del Qamar.

Prima di tutto, è importante capire quanto siano terribili le attuali circostanze politiche in Libia, per capire veramente perché sia necessario ripristinare sia la Costituzione del 1951 che una monarchia costituzionale. L’instabilità politica della Libia si è recentemente manifestata nel mancato rispetto della scadenza del 24 dicembre per tenere le elezioni ed eleggere il suo primo presidente dal 2011. Un alto funzionario delle Nazioni Unite prevede che queste elezioni potrebbero ora tenersi a giugno.

Chiaramente la Libia è attualmente afflitta da un pericoloso vuoto di potere. Questa situazione ha visto figure controverse dichiarare candidature alla presidenza, che è sia sintomatica che un’ulteriore causa della polarizzazione della scena politica libica negli ultimi mesi. Le figure più preoccupanti di queste figure sono senza dubbio il feldmaresciallo Khalifa Haftar e Seif al-Islam Gheddafi, figlio del dittatore estromesso e un tempo erede apparente. In effetti, la confusione sul fatto che Gheddafi possa candidarsi è stata una delle ragioni principali per cui le elezioni sono state rinviate in primo luogo.

Sarebbe difficile sostenere che Khalifa Haftar, il leader regionale che controlla la Libia orientale e ha lanciato un’offensiva militare per catturare Tripoli nel 2019, potrebbe mai unire il Paese. In alternativa, mentre Seif al-Islam Gheddafi potrebbe fare appello a molti libici che condividono la nostalgia per la stabilità associata al governo di suo padre, il suo cognome tossico significa che è automaticamente una figura polarizzante che è odiata da molti libici che si sono sollevati nel 2011.

Mentre Gheddafi ha dichiarato che il popolo libico dovrebbe godere dello stesso livello di libertà degli olandesi, le sue azioni non corrispondono alle sue parole. Gheddafi è ricercato dalla Corte penale internazionale per presunti crimini contro l’umanità durante i tentativi del regime di reprimere la rivolta sostenuta dalla NATO. Dato che Gheddafi è ricercato dalla CPI, sarebbe difficile per i libici concludere che fosse la “persona migliore” per rappresentarli presso la comunità internazionale.

In questo vuoto, la soluzione migliore sarebbe riportare al trono il principe Mohamed Hassan El Reda al Senussi e adottare la Costituzione del 1951. Ciò di cui il Paese ha bisogno è qualcuno attorno al quale i libici possano radunarsi. Sebbene Gheddafi pretendesse che la Libia fosse uno stato arabo musulmano omogeneo, ignorando importanti differenze etniche, linguistiche e religiose a scapito di tutti, la Costituzione del 1951 e il sistema di governo che prevedeva – una monarchia ereditaria con un sistema di governo rappresentativo – godettero ampio sostegno che ancora esiste. La monarchia ha agito come un simbolo di unità e può farlo di nuovo in futuro. Essendo in esilio dal 1988, il principe Mohamed è in una posizione di forza per rimanere al di sopra della mischia delle questioni tribali, politiche e religiose, servendo invece come figura di unione della Libia e delle varie fazioni tribali del paese.

Inoltre, la riadozione della Costituzione del 1951 e la restaurazione del principe Mohamed al trono consentirebbe anche un ripristino delle relazioni estere, che, tra le altre opportunità, potrebbe aprire le porte a una normalizzazione delle relazioni con Israele. In effetti, la storia ebraica libica è una tragedia dimenticata; pochi conoscono le calde relazioni, pur contrassegnate da diversi eventi di antiebraismo e attacchi razziali di vari gruppi, che esistevano tra la Libia e la sua comunità ebraica prima della cacciata del Re. La comunità ebraica in Libia era una volta cosmopolita, prospera e istruita.

La storia ebraica libica risale a circa 2000 anni fa quando primi gruppi di Ebrei si stabilirono nella Libya orientale provenendo da Gerusalemme in ricerca di sbocchi commerciali intorno al 70 dC. La maggior parte degli Ebrei arrivarono alla fine del XV secolo, quando, dopo l’Inquisizione, molti ebrei furono cacciati dalla Spagna e iniziarono a stabilirsi in Libia. La migrazione ebraica è continuata per secoli e all’inizio del XX secolo c’erano grandi comunità ebraiche a Tripoli e Bengasi e dintorni.

La popolazione ebraica della Libia aveva raggiunto oltre 30.000 persone nel 1939.
L’occupazione italiana della Libia dal 1911 al 1943 portò cambiamenti contrari per la comunità ebraica. Da un lato, ci sono stati diversi sviluppi positivi, tra cui il miglioramento dei diritti civili e un più alto tasso di istruzione. Tuttavia, l’effetto Mussolini fu notevolmente negativo, con l’adozione nel settembre 1938 di leggi razziali che proibivano agli ebrei di avere residenze permanenti in Italia e Libia, nonché in altre regioni.

Tuttavia, la vivacità della vita ebraica in Libia è forse meglio sintetizzata in resoconti personali e toccanti. Oggi è disponibile un lungo elenco di storie personali che discutono della storia ebraica libica e forniscono un assaggio di come era la vita in Libia prima di Gheddafi. Molti Ebrei parlavano italiano ed erano fortemente influenzati dalla cultura italiana. La maggior parte fondeva arabo, ebraico, italiano, ladino e, occasionalmente, un po’ di inglese. La maggior parte degli ebrei libici fuggirono in Israele quando divenne chiaro che gli ebrei non erano più i benvenuti in Libia. Dati questi legami personali e socioculturali, è una tragedia che i legami politici tra Libia e Israele non siano più forti, come altri Ebrei con i loro paesi di origine (Marocco in primis).

Il consigliere speciale delle Nazioni Unite per la Libia, Stephanie Williams, in un incontro avuto con me, ha spiegato che la mancanza di legittimità istituzionale è un problema strutturale cruciale che affligge la politica libica. Questo deficit di legittimità può essere superato riadottando la Costituzione del 1951, e un futuro Re potrebbe aiutare a unificare e stabilizzare un paese fratturato.

La Costituzione creerebbe una Libia più tollerante, che potrebbe unirsi attorno a un monarca costituzionale. Così facendo, la Libia come Stato-nazione stabile, che possiede un senso di unità nazionale molto carente, guadagnerebbe anche maggiore legittimità agli occhi della comunità internazionale, e questi fattori potrebbero solo creare le circostanze per una normalizzazione delle relazioni con Israele.

Il modo migliore per andare avanti per la Libia è guardare al passato, con la strada che ci porta lì, in modo abbastanza interessante, ripercorrendo attraverso il proprio glorioso passato ebraico.

Raphael Luzon Giornalista free lance – Analista mondo Arabo e Medio Oriente

Redazione Radici

Redazione Radici

Redazione Radici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.