Ecco come Aleksandr Popov inventò la radio prima di tutti

Ecco come Aleksandr Popov inventò la radio prima di tutti
Kira Lisitskaya (Photo: Dominio pubblico; Getty Images; The Popov Central Museum of Communications)
Il suo lavoro andò avanti in parallelo con quello di Guglielmo Marconi, anche se per ragioni di sicurezza militare rimase segreto e non fu brevettato. Ma la sua prima storica trasmissione di un messaggio avvenne due mesi e 8 giorni prima di quella del premio Nobel bolognese 

Aleksandr Popóv era figlio di un sacerdote. Nacque nel 1859 nel villaggio di Turinskije Rudniki (ora è la città di Krasnoturinsk, nella regione di Sverdlovsk). Naturalmente, suo padre voleva che Aleksandr seguisse le sue orme, e lo mandò alla scuola del Seminario di Ekaterinburg, negli Urali, per studiare teologia. Obbediente, Popov fece ciò che aveva deciso suo padre, ma in seguito avrebbe fatto una sorprendente inversione di marcia.

Dalla teologia alla scienza

Dopo aver studiato per tre anni al Seminario Teologico di Perm, Popov si iscrisse all’Università di San Pietroburgo per studiare… fisica. Aleksandr era profondamente innamorato della scienza e della matematica fin dall’infanzia. Aveva una mente incredibilmente tecnica e si laureò all’università con lode. Il giovane fisico discusse la sua tesi nel 1882.

Si concentrò poi sull’ingegneria elettrica e divenne insegnante presso la Scuola degli artificieri della Marina russa a Kronshtadt (vicino a San Pietroburgo). I suoi allievi erano altamente qualificati e competenti, addestrati a prendere in carico le apparecchiature elettriche sulle navi da guerra. Insegnante di talento, oltre che brillante ricercatore, Popov lesse una discreta quantità di libri dei suoi colleghi scienziati stranieri. Fu particolarmente colpito dalla scoperta delle onde elettromagnetiche da parte del fisico tedesco Heinrich Rudolf Hertz e cercò alcuni modi pratici per riceverle su lunghe distanze.

Aleksandr Popov

Nell’estate del 1893, in qualità di rappresentante del Ministero della Marina, Popov fece parte della delegazione russa all’Esposizione Mondiale di Chicago. Ebbe la possibilità di osservare gli esperimenti del serbo Nikola Tesla (1856-1943), di cui conosceva già il lavoro.

Popov fece una scoperta fondamentale nel 1895, quando costruì un apparato in grado di registrare i disturbi elettrici atmosferici. L’allora trentaseienne inventore installò il suo dispositivo presso l’osservatorio meteorologico di San Pietroburgo. Secondo Popov, poteva rilevare temporali a una distanza di 50 chilometri ed era pensato per essere utilizzato per la ricezione di segnali da una fonte di oscillazione artificiale.

I dettagli della scoperta furono pubblicati nel suo studio intitolato “Sulla relazione delle polveri metalliche con le oscillazioni elettriche”. L’anno successivo, Popov apparve davanti alla Società Fisicochimica di San Pietroburgo e trasmise le parole “Heinrich Hertz” in codice Morse. Il suo breve messaggio venne ricevuto da un trasmettitore a circa 250 metri di distanza.

Secondo il Museo Centrale delle Comunicazioni “Popov”, che ha sede a San Pietroburgo, lo scienziato russo “riuscì a risolvere il problema della costruzione di un dispositivo in grado di ricevere e registrare segnali di varia durata”. Il suo lavoro dette impulso allo sviluppo di molti campi scientifici completamente nuovi, tra cui radiodiffusione, radioastronomia e televisione, radiometeorologia, radionavigazione e radio intelligence. Il sistema, sviluppato da Popov, conteneva “tutti gli elementi di comunicazione di base che sono inerenti al moderno concetto di linea di trasmissione del segnale radio”.

La disputa Popov-Marconi

Alcune delle più grandi menti dell’epoca si stavano lambiccando il cervello per scoprire se le onde radio potevano essere utilizzate per trasmettere segnali. Guglielmo Marconi, ingegnere e inventore bolognese, utilizzò le onde radio per trasmettere segnali a una distanza di diversi chilometri.

Marconi iniziò la sua attività sui trasmettitori e ricevitori radio nel dicembre 1894 e depositò una domanda di brevetto il 2 giugno 1896, cioè due mesi e otto giorni dopo la prima trasmissione radio di Popov. L’ingegnere elettrico italiano ottenne il brevetto per i suoi “Miglioramenti nella trasmissione di impulsi e segnali elettrici”, ossia il primo brevetto per un sistema di comunicazione basato su onde radio.

Nel 1909 il Premio Nobel per la Fisica fu assegnato congiuntamente a Guglielmo Marconi e all’ingegnere tedesco Karl Ferdinand Braun come “riconoscimento dei loro contributi allo sviluppo della telegrafia senza fili”. Marconi (1874-1937) venne da allora ampiamente riconosciuto come l’inventore della radio.

Si ritiene che il regime di stretta segretezza a cui Aleksandr Popov era vincolato mentre lavorava per la Marina russa abbia impedito al fisico di essere riconosciuto a livello internazionale come il primo vero inventore della radio. Le controversie che continuano ancora oggi indicano che l’idea era nell’aria e, dato che le grandi menti pensano spesso allo stesso modo, qualcuno doveva arrivarci un po’ prima, ma quasi in contemporanea.

La prima stazione radio in Russia venne installata, sotto la guida di Popov, a Sebastopoli, sul Mar Nero. Lavorando al fianco della Marina russa, durante le manovre del 7 settembre 1899, fu stabilita la comunicazione con leggendarie navi da guerra, tra cui la Georgij Pobedonosets e il cacciatorpediniere “Kapitan Saken”, situato a circa 14 chilometri dalla costa.

Una scena tratta dal film dedicato ad Aleksandr Popov

Nel 1898 iniziò a Parigi la produzione industriale delle stazioni radio di Popov a bordo delle navi, prodotte dalla ditta Eugène Ducretet. Nel frattempo, il laboratorio radiofonico di Popov a Kronshtadt, creato su iniziativa del fisico, era diventato la prima impresa di ingegneria radiofonica in Russia. Nel 1901 iniziò a produrre apparecchiature radio per la Marina. Nel 1904, la “Siemens and Halske” (una società tedesca di ingegneria elettrica che in seguito divenne la Siemens), e la “Telefunken” (una società tedesca di apparecchi radiotelevisivi fondata a Berlino nel 1903) e il fisico russo organizzarono congiuntamente il “Dipartimento di telegrafia senza fili secondo il sistema di Aleksandr Popov”

Nel 1901 Popov divenne professore di fisica presso l’“Istituto elettrotecnico dell’imperatore Alessandro III”. Venne elogiato “per il continuo lavoro sull’uso della telegrafia senza fili sulle navi della flotta” e ricevette tra gli altri riconoscimenti, la Gran Medaglia d’oro dell’Esposizione mondiale dell’industria di Parigi. Dopo la morte di Popov, avvenuta nel 1906, un premio speciale fu istituito a suo nome in Russia, dove la sua eredità gode ancora del massimo rispetto.

Redazione Radici

Redazione Radici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.