“Sacro al femminile” al museo diocesano di Brescia

“Sacro al femminile” al museo diocesano di Brescia
Sino al 12 giugno, il Museo Diocesano di Brescia, all’interno del complesso cinquecentesco di San Giuseppe, ospita la mostra “Sacro al femminile. Opere degli allievi di Moretto” che presenta 13 opere, realizzate dai principali allievi bresciani di Alessandro Bonvicino detto il Moretto, quali Francesco Ricchino (1509/1513-1573), Agostino Galeazzi (1523 – 1576/1579) e Luca Mombello (1518/1520–1594/1595), provenienti dalla collezione del Museo Diocesano di Brescia, dai Musei Civici di Brescia e da raccolte private.

La rassegna, inaugurata il 12 febbraio scorso e curata da Davide Dotti, coadiuvato da un comitato scientifico composto da Fiorella Frisoni, Valerio Guazzoni, Angelo Loda, promossa e organizzata dal Museo Diocesano di Brescia, con il patrocinio della Fondazione Provincia di Brescia Eventi, completa il percorso dell’esposizione “Donne nell’Arte da Tiziano a Boldini”, allestita anch’essa fino al 12 giugno a Palazzo Martinengo, che documenta come la raffigurazione della donna abbia rivestito un ruolo di primo piano nella storia dell’arte italiana, dagli albori del Rinascimento alla Belle Époque, ed è il punto di partenza per la scoperta dei tesori della collezione permanente del Museo Diocesano di Brescia.

“Il percorso”, afferma Nicoletta Bontempi, presidente del Museo Diocesano di Brescia, “dialoga con la mostra Donne nell’arte di Palazzo Martinengo valorizzando il concetto di museo diffuso che esula i confini spaziali per tessere legami e sodalizi con altre realtà cittadine mantenendo l’identità ci ciascun soggetto coinvolto. Un’occasione per creare stimolanti azioni di rete e di connessione, che si riflette nel rapporto, attraverso la storia, tra Museo, territorio e città”.

“Il Museo Diocesano di Brescia coglie questa mostra come un’opportunità per inserirsi all’interno del vivace contesto culturale di Brescia”, dichiara Mauro Salvatore, direttore del Museo Diocesano di Brescia, “riscoprendo i capolavori del territorio dedicati alla centralità della figura femminile nell’ambito sacro insieme all’eredità dello stile di Moretto, in avvicinamento all’appuntamento di Brescia-Bergamo Capitale Italiana della Cultura 2023”.

“La mostra, impreziosita da opere inedite e da tele che non si vedevano in pubblico da molti decenni”, racconta Davide Dotti, curatore dell’esposizione, “offre l’occasione per fare il punto della situazione sotto il profilo storico-critico ed attribuzionistico sui lavori licenziati da Galeazzi, Mombello e Ricchino, i tre principali allievi bresciani di Moretto che raccolsero l’eredità culturale ed artistica del grande maestro portandola dal pieno Rinascimento all’età della Maniera”.

La mostra analizza la figura femminile nella pittura a soggetto sacro che, non solo per il Moretto ma anche per Agostino Galeazzi e Luca Mombello, rappresenta la parte numericamente più rilevante della loro produzione pittorica, attraverso dipinti come l’Immacolata e Dio Padre, La conversione della Maddalena, l’Incoronazione della Vergine con l’allegoria della Pudicizia e dell’Umiltà e La presentazione di Maria al tempio del Mombello.

Per l’occasione sono presentati alcuni dipinti inediti di Agostino Galeazzi, come la Sacra famiglia con san Giuseppe e san Giovannino e Noli me tangere, preziose aggiunte al limitato catalogo del maestro bresciano, oltre allo Sposalizio mistico di santa Caterina di Luca Mombello che conserva ancora la cornice originale disegnata e intagliata dallo stesso artista.

Dopo oltre un secolo dall’ultima apparizione in pubblico, avvenuta nel 1904 all’Esposizione Nazionale bresciana, si può nuovamente ammirare la splendida pala d’altare raffigurante la Madonna col Bambino e le sante Cecilia e Caterina e due committenti, capolavoro giovanile di Agostino Galeazzi datato 1552, un tempo posizionata sull’altare della nobile famiglia bresciana dei Luzzago nella chiesa San Pietro in Oliveto, quindi trasferita nel corso del XIX secolo nel Palazzo Vescovile di Brescia.

Accompagna l’iniziativa un catalogo Silvana Editoriale.

Redazione Radici

Redazione Radici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.