Troppi rinunciano a farsi curare

Troppi rinunciano a farsi curare

di Paolo Pagliaro

Tre delle sei missioni del piano nazionale di ripresa e resilienza sono dedicate al welfare: si tratta di istruzione, inclusione sociale e salute. L’investimento previsto è di 84 miliardi. Ma l’anno scorso le famiglie italiane hanno fatto di più, spendendo per il welfare quasi 137 miliardi, circa 5 mila euro a famiglia. Ciò nonostante, oltre la metà di loro ha dovuto rinunciare a prestazioni sanitarie, all’assistenza agli anziani o agli asili nido.

Sono fotografie impietose del disagio sociale i dati contenuti nel Rapporto Cerved presentato questa mattina. La pandemia ha provocato forti restrizioni nella disponibilità di servizi sanitari e rinvio delle cure da parte degli stessi cittadini per timore del contagio. Complessivamente queste motivazioni hanno determinato negli ultimi due anni il 59% delle rinunce. La seconda causa di rinuncia è economica, e riguarda la difficoltà delle famiglie più povere nel sostenere il costo delle prestazioni. Un terzo motivo è l’inadeguatezza dell’offerta, soprattutto per quanto riguarda l’assistenza agli anziani.
Sono problemi rilevanti per un paese in cui un terzo delle famiglie è composto da una sola persona e, considerando anche i genitori soli con figli a carico, le famiglie con un unico adulto sono più del 41%. E’ una somma di individui e spesso anche di solitudini che paga un prezzo alto all’emergenza sanitaria.

Le proposte contenute nel Bilancio di Welfare delle famiglie sono tutte molto concrete, a cominciare dal rilancio della previdenza complementare per evitare che l’Italia del futuro sia una società di anziani poveri.

Redazione Radici

Redazione Radici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *