I media statali cinesi diffondono nuove immagini di Peng Shuai

I media statali cinesi diffondono nuove immagini di Peng Shuai

La campionessa di tennis era sparita dalla circolazione dopo aver accusato l’ex vicepremier Zhang Gaoli di averla costretta a fare sesso. La Wta non si è accontentata dei tentativi di rassicurazione di Pechino e ha sospeso tutti i tornei in Cina

© EyePress/AFP – Peng Shuai

I media statali cinesi hanno pubblicato nuove immagini di Peng Shuai, la campionessa di tennis che aveva accusato l’ex vicepremier Zhang Gaoli di averla costretta a fare sesso. Qingqing Chen, una giornalista del Global Times, ha diffuso su Twitter un filmato che mostra Peng parlare con l’icona del basket cinese Yao Ming.

Chen ha sostenuto che il video le è stato inviato da un “amico” e che è stato ripreso a Shanghai, durante un evento dedicato alla promozione dello sci. In seguito alle accuse, rapidamente censurate dai media cinesi, Peng era sparita dalla circolazione, suscitando nell’opinione pubblica internazionale forte preoccupazione per la sua sorte. Chen ha inoltre pubblicato una foto di Peng e Yao in posa con altre due stelle dello sport cinese, il velista Xu Likia e l’ex tennistavolista Wang Liqin, davanti allo stendardo dell’evento.

Per la Wta non basta

Non è la prima volta che i media statali di Pechino pubblicano immagini, non verificabili, di Peng nel tentativo di rassicurare sulla sua sorte. La Women’s Tennis Association, che continua a chiedere un’indagine piena e trasparente sulle accuse di Peng, non si è però accontentata e ha annunciato questo mese la sospensione di tutti i tornei previsti in Cina, inclusa Hong Kong.

Lo scorso 20 novembre, di fronte alla crescente pressione, il profilo ufficiale Weibo del China Open aveva pubblicato delle fotografie dove si vedeva Peng, con addosso una giacca sportiva blu scuro e pantaloni della tuta bianchi, assistere alle finali del Fila Kids Junior Tennis Challenger.

Un video dell’evento, pubblicato su Twitter da Hu Xijin, influente caporedattore del Global Times, mostrava inoltre Peng in piedi in mezzo a un gruppo di ospiti i cui nomi vengono annunciati al pubblico che applaude. Un giornalista del Global Times aveva inoltre twittato un altro video che mostrava Peng che firma autografi per i bambini in quello che sembra essere lo stesso stadio prima di posare per le foto con loro.

I sospetti sul video

Hu, che rivendica una certa vicinanza al potere, aveva anche pubblicato due video della giocatrice “a cena con il suo allenatore e gli amici in un ristorante” a Pechino, sostenendo fossero stati girati lo stesso giorno. A far sospettare che i video possano essere una messa in scena è il passaggio in cui l’atleta, che ad ogni modo appare rilassata e in buona salute, afferma che “domani è il 20 novembre” e viene interrotta da una persona che la corregge: “Domani e’ il 21 novembre”. Lo scambio era stato filmato con il cellulare da una persona non identificata.

Alcuni giorni prima la televisione pubblica cinese Cgtn aveva diffuso uno screenshot di un’e-mail diretta alla Wta nella quale Peng avrebbe ritrattato le accuse, definendole “false”, nei confronti del potente ex funzionario del Partito Comunista di 40 anni più anziano, che la avrebbe costretta a fare sesso durante una relazione discontinua durata diversi anni.

Redazione Radici

Redazione Radici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.