Barconi alla deriva e richieste di aiuto, senza sosta l’emergenza migranti 

Barconi alla deriva e richieste di aiuto, senza sosta l’emergenza migranti 

Si moltiplicano le partenze dal Nord Africa e gli interventi di soccorso. Papa Francesco lancia un appello per un sostegno ai rifugiati libici “sottoposti a violenza disumana” 

 Drammatiche richieste di aiuto in mare e sbarchi. Resta caldo il fronte dell’immigrazione e proseguono gli avvistamenti di imbarcazioni alla deriva. Alarm phone ha rilanciato le richieste di aiuto di 128 persone: prima un gommone semiaffondato con 60 migranti e dove entrava acqua: “Persi i contatti con loro”; poi una barca con 68 persone, tra cui molti bimbi, “in fuga dalla Libia”, in zona Sar di Malta. Hanno problemi di motore, “e affrontano forti venti e mare mosso… serve un intervento urgente”.

Intanto, quarto salvataggio a bordo della ‘Geo Barents’ di Medici senza frontiere. Soccorse 95 persone: “Stavano per essere intercettate dalla Guardia costiera libica – spiega la ong – e costrette a tornare alla violenza, agli abusi e allo sfruttamento in Libia”

A bordo adesso ci sono 296 migranti. E 105 da cinque giorni sono sulla ‘Aita Mari’, tra Malta e la Sicilia e chiedono un porto sicuro. Almeno 400 chiedono, dunque, di sbarcare, in ragione anche del peggioramento delle condizioni meteo. “Esprimo la mia vicinanza alle migliaia di migranti, rifugiati e altri bisognosi di protezione in Libia. Non vi dimentico mai. Sento le vostre grida e prego per voi”, è il forte appello di Papa Francesco al termine dell’Angelus.

“Tanti di questi uomini e donne e bambini sono sottoposti a una violenza disumana”, ha detto ancora Francesco. “Ancora una volta chiedo alla comunità internazionale di mantenere le promesse di cercare soluzione comuni concrete e durevole per la gestione dei flussi migratori in Libia e in tutto il Mediterraneo. E quanto soffrono coloro che vengono rimandati… ci sono dei veri lager li’… Occorre porre fine al ritorno dei migranti in Paesi non sicuri e dare priorità al soccorso di vite umane, garantire loro condizioni di vita degne, alternative alla detenzione, percorsi regolari di migrazione e accesso alle procedure di asilo”

Nuovi sbarchi di migranti in Calabria e in Puglia. Sono 330 quelli a Crotone. Qui si sono concluse ieri sera le operazioni dei primi 160 giunti con l’unità navale della Guardia costiera ‘Dattilo’; gli altri sono stati trasportati con un pattugliatore della Marina romena di stanza al porto di Crotone, impegnato nelle attività Frontex. Si tratta di egiziani, siriani e libici. Gli sbarcati sono stati condotti nella struttura di accoglienza di Isola Capo Rizzuto. E sempre ieri al porto di Reggio Calabria era giunto un gruppo di 56 migranti, di nazionalità afghana, pachistana ed egiziana, soccorsi al largo di Capo Spartivento. E 77 sono giunti a Leuca a bordo di un veliero. Di questi 35 sono minori di nazionalità egiziana. agi

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.