Virus, la guerra tra preda e predatore

Virus, la guerra tra preda e predatore

di Paolo Pagliaro

Quando faceva il ricercatore a Londra, il microbiologo  Andrea Crisanti diede  un contributo importante a contenere la diffusione della malaria nel mondo. In Italia Crisanti è tornato  l’anno scorso, arrivando  insieme al Covid-19, e anche questa volta ha saputo distinguersi nella caccia al virus, con risultati di cui molto si è detto.


Adesso Crisanti firma con Michele Mezza un libro che ci invita a non abbassare la guardia ma ad affrontare ben equipaggiati il lungo cammino che ancora ci attende, perché contro il Covid 19 la corsa sarà una maratona, non i 100 metri.  Nel libro, pubblicato da Donzelli e intitolato “Caccia al virus”, si spiega che l’epidemia è  un sistema ecologico tutto sommato semplice, con due soli attori: il predatore (cioè il virus) e la preda (cioè noi), che si muovono si quel grande palcoscenico che è l’ambiente.


Con i vaccini la preda segna un punto a suo favore. Ma noi non sappiamo quanto durerà l’immunità indotta dalla vaccinazione, mentre l’unica cosa che sappiamo con certezza è che nessun paese al mondo può immaginare di ripetere tutti gli anni la mobilitazione vaccinale di massa a cui stiamo assistendo in queste settimane.


Crisanti e Mezza propongono allora di combinare strategie sanitarie, misure di contenimento e una mappatura serrata dei possibili focolai per arrivare a prosciugare la palude del virus.  Un sistema di prevenzione riassumibile nella formula “vaccinazioni più sorveglianza”, che nel futuro possa risparmiarci il carico  di dolore e sofferenza che abbiamo conosciuto in quest’ultimo anno.   © 9Colonne

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.