Vaccini : giovani e rete consolare

Vaccini : giovani e rete consolare


Sul fronte sanità, Schiavone ricorda l’impegno del Cgie nel sostenere gli italiani all’estero in difficoltà e si sofferma sulla recente ordinanza firmata dal commissario per l’emergenza Covid, Francesco Paolo Figliuolo, che permette la somministrazione del vaccino anti-Covid ai cittadini iscritti all’Aire che sono temporaneamente in Italia: “Siamo stati sollecitati più volte in questo senso e l’ordinanza è stata firmata: un lavoro felice che abbiamo svolto insieme ad alcuni parlamentari eletti all’estero”.

A Della Vedova il Cgie ha ribadito anche l’urgenza di convocare la Conferenza Stato-Regioni-Province autonome-Cgie (che non si svolge da oltre dieci anni e che ha il compito di indicare le linee programmatiche per la realizzazione delle politiche per le comunità italiane all’estero) e la necessità di “interventi sulla rete consolare: di digitalizzazione, semplificazione dei processi e di un sostegno aggiuntivo soprattutto per quanto riguarda le risorse umane.

La Farnesina deve investire nella digitalizzazione – chiosa Schiavone – per accelerare il lavoro negli uffici”. Un’attenzione particolare è stata rivolta anche ai giovani: “Parlare di politiche giovanili senza coinvolgere gli italiani all’estero è una miopia, serve una governance che permetta ai giovani di attrezzarsi di un bagaglio per essere competitivi all’estero e per acquisire le best practice da riportare in Italia.

E’ umiliante avere a che fare con sordi che non vogliono capire quali sono le esigenze: come esiste un Osservatorio per i giovani in Italia, abbiamo bisogno di un Osservatorio o di un’Agenzia in giro per il mondo, un punto di riferimento – conclude Schiavone – per dare delle aspettative ai giovani che spesso cercano il loro futuro altrove. Devono essere create condizioni nuove affinché chi parta lo faccia con consapevolezza”.(9colonne)

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *