Afghan Dreamers

Afghan Dreamers

Di Daniela Piesco

“Trovare un mezzo per aiutare le persone e fare di questo un progetto di successo per la nostra povera nazione è di vitale importanza.”

Roya Mahboob,imprenditrice tecnologica.

Un team di donne afghane esperte di robotica ha sviluppato un ventilatore salvavita, realizzato con parti di automobili Toyota, per essere di aiuto e supporto nel trattamento dei pazienti con malattia da coronavirus.

Le ragazze, che hanno vinto una medaglia in un concorso globale per la creazione di un robot in grado di distinguere tra acqua contaminata e acqua pulita, sono state invitate dal governatore della città afghana occidentale di Herat a provare a costruire una versione del dispositivo medico a causa di una disperata carenza di ventilatori nella provincia.

La regione impoverita dell’Afghanistan, dilaniato dalla guerra, ha recentemente assistito a un forte aumento del numero di casi di COVID-19.

Il team, provvidenzialmente è il caso di dirlo , è stato chiamato Afghan Dreamers : inizialmente ha cercato di procurarsi parti dall’estero per una macchina digitale avanzata, ma i costi elevati e le sospensioni dei voli causati dalla pandemia hanno reso impossibili le spedizioni in Afghanistan.

Imperterrito, il gruppo innovativo ha cercato i rifornimenti più vicino a casa e ha avuto l’idea di utilizzare parti delle auto Toyota Corolla acquistate dai bazar locali.

Sulla base delle copie di ventilatori moderni prodotte dal Massachusetts Institute of Technology (MIT) negli Stati Uniti, il team ha elaborato il proprio progetto di prodotto e ha inviato copie al MIT e all’Università di Harvard per l’approvazione.

“Dovevamo essere preparati alla situazione peggiore perché non abbiamo accesso ad Amazon e ad altre società per gli ordini online. Quindi, era meglio usare dispositivi locali che abbiamo nel nostro paese “, ha sostenuto in una recente intervista l’imprenditrice tecnologica Roya Mahboob, che ha creato il team.

“Abbiamo discusso il nostro progetto con un professore del MIT e lo abbiamo inviato, basato sul prototipo del MIT, utilizzando parti della Toyota Corolla. Lui (il professore) era così sorpreso che ci ha scritto di nuovo dicendo che era un progetto intelligente ma che avrebbe dovuto vedere , preventivamente,se il sistema funzionasse.”

“Quello che speriamo è che con l’aiuto del MIT saremo in grado di migliorare il nostro modello e renderlo pronto per l’uso effettivo entro la fine di maggio o giugno”, ha aggiunto Mahboob.

Il prototipo di ventilatore dovrebbe essere approvato dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e dal Ministero della sanità pubblica afghano prima che il team possa iniziare a produrre più macchine, ha affermato il dottor Mehdi Hadid, membro del comitato consultivo che combatte la diffusione del COVID-19 a Herat.

È chiaro che la macchina (ventilatore) sarà di notevole impatto sull’emergenza ,in quanto sarà in grado di fornire un certo volume di ossigeno e regolare la frequenza respiratoria.

Inoltre, nonostante la grave carenza di elettricità in molte parti del paese, il ventilatore potrà funzionare non solo con l’alimentazione di rete, ma anche con la batteria e l’energia solare.

Il ventilatore di fabbricazione locale degli Afghan Dreamers costerà circa 400 dollari e verrebbe utilizzato principalmente per casi di emergenza in aree remote dove c’erano poche cliniche.

Mahboob sostiene che la sfida attuale oltre ad essere rappresentata dal rischio di contrarre il coronavirus essendo in officina sotto lo stesso tetto a lavorare sul design, perché si lavora a stretto contatto e non c’è allontanamento sociale, quindi c’è la possibilità di contaminazione nonostante si indossino maschere e guanti , è quella di trovare abbastanza parti Toyota per produrre più dispositivi, poiché molti negozi e punti vendita stanno chiudendo a causa di blocchi imposti in tutto l’Afghanistan.

L’imprenditrice Mahboob è diventata una delle prime donne amministratore delegato dell’Afghanistan all’età di 23 anni. Ha fondato un’organizzazione senza scopo di lucro per aiutare le giovani donne a sviluppare l’alfabetizzazione digitale e da allora è stata nominata una delle 100 persone più influenti di Time Magazine.

Nel 2017, i membri del suo team di robotica tutto al femminile hanno fatto scalpore a livello internazionale quando i loro visti statunitensi sono stati rifiutati non molto tempo prima che dovessero recarsi a una competizione internazionale di robotica a Washington, DC. Dopo il fallimento degli appelli individuali all’ambasciata degli Stati Uniti a Kabul, il gruppo si è rivolto ai social media per esprimere le proprie lamentele. La difficile situazione della squadra ha ricevuto l’attenzione internazionale e ha portato il presidente degli Stati Uniti Donald Trump a intervenire a loro favore.

La squadra è tornata dalla competizione con una medaglia d’argento per il “risultato coraggioso” vinto dal loro robot smistatore di palle, progettato per distinguere tra acqua contaminata e pulita.

Da quando è tornata a casa, la squadra è diventata un’ispirazione per le donne che cercano un’istruzione superiore nell’Afghanistan dominato dagli uomini, dove circa il 40% delle donne è alfabetizzato.

I suoi altri risultati includono lo sviluppo di un dispositivo per aiutare gli agricoltori a raccogliere lo zafferano, una delle principali industrie del paese, e la costruzione di droni e robot da utilizzare nel settore minerario.

Le donne afghane hanno bisogno di norme sociali più evolute, che accettino la diversità degli obiettivi di una donna che vive nel 2021.

Le donne da sempre sono catalizzatori di cambiamento quando si dà loro l’accesso all’istruzione: diventano attiviste, fanno politica, consapevoli di rischiare la vita per creare cambiamento.

Ma il cambiamento necessita a sua volta di pace e stabilità di governo.

Il futuro del pianeta dipende dalla possibilità di dare a tutte le donne l’accesso all’istruzione e alla leadership. È alle donne che spetta il compito più arduo, ma più costruttivo, di inventare e gestire la pace.

E mi ritorna alla mente una grande donna tanto minuta quanto energica, il cui monito risuona come una speranza per il futuro: «Nella vita non bisogna mai rassegnarsi, arrendersi alla mediocrità, bensì uscire da quella “zona grigia” (…) e coltivare il coraggio di ribellarsi”.

(Rita Levi Montalcini).

Daniela Piesco Vice Direttore Radici

Www.progetto-radici.it

Daniela Piesco

Daniela Piesco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *