Riccardo Guglielmi: giornalista scientifico di Radici

Excellence

di Antonio Peragine*

La pratica quotidiana nel giornalismo, nell’editoria e il vissuto personale mi hanno permesso di conoscere in tutti questi anni un alto numero di medici seri e preparati a cui  potersi rivolgere per ottenere risposte a necessità di salute. Ho incontrato cattedratici, scienziati, medici pubblici e privati, apprezzati per la qualità delle loro prestazioni,  l’invidiabile curriculum  e le posizioni di carriera, ma mancava una persona che, a tutte queste caratteristiche, affiancasse umiltà, umanità e quell’empatia che rende indissolubile e costruttivo il rapporto medico paziente. Qualche anno fa, era il 2013, assistevo per motivo professionali alla presentazione delle Giornate di Cardiologia aperta, un evento organizzato dalla Cardiologia Ospedaliera del Policlinico di Bari. Il direttore Riccardo Guglielmi e il suo gruppo avevano aperto le porte del reparto alla cittadinanza illustrando, come fanno i militari il 4 novembre Festa delle Forze Armate, chi erano, cosa facevano e cosa si proponevano di fare. Si capiva che medici e infermieri erano l’espressione di un gruppo compatto che si muoveva con efficacia ed efficienza. Tutti integrati e fieri nel proprio ruolo dimostravano che il loro obiettivo era l’interesse e la cura del paziente.  Forse situazioni ideali ma non troppo frequenti, ma una frase, scandita dal dott. Guglielmi mi colpì subito: “in medicina prima di ogni cosa ci vuole umiltà.. tanta umiltà”.

Con questa premessa è facile tracciare il profilo del professionista. Classe 50, laurea e specializzazioni, cardiologia e cardioangiochirurgia a pieni voti, a 27 anni era già uno specialista cardiologo, esperienze e formazione in Italia e all’estero, ospedaliero cominciando da assistente, dirigente e direttore di Struttura complessa. Tante le pubblicazioni scientifiche, le partecipazioni a congressi, le consulenze, dalla Sanità militare ai Tribunali civili e penali, al Ministero dell’Economia e Finanza. Nel Policlinico oltre alla Cardiologia ospedaliera, offriva il suo contributo professionale alla Medicina dello Sport e alla Pediatria dove si era fatto promotore di un ambulatorio cardiologico dedicato prevalentemente ai piccoli ricoverati in trattamento oncologico. È esperto in Cardiologia dello Sport e Forense con incarichi nelle Società scientifiche; importante il ruolo con l’Università di Bari per gli insegnamenti nelle Scuole di specializzazione e nelle lauree delle Professioni sanitarie. Esaminando il suo curriculum mi sono accorto che quel professionista è un giocatore che in una squadra sa coprire tutti i ruoli: medico di medicina generale, specialista ambulatoriale interno ed esterno,  medico volontario, ufficiale medico. Questo in quasi 45 anni di professione gli ha permesso di essere a contatto con il prossimo, saper ascoltare e proporre soluzioni anche in situazioni sanitarie non prettamente inerenti alle sue specializzazioni. Il paziente e i famigliari gli riconoscono carisma, ruolo scientifico e professionale ma dopo poco, grazie alle capacità empatiche, vedono abbattuto quell’iniziale muro legato alla differenza di ruolo.

Il rapporto da formale diventa amicale e il dott. Guglielmi da  Prof. diventa Riccardo, uno di famiglia a cui rivolgersi nei momenti difficili. Tra i riconoscimenti dobbiamo menzionare la nomina a Commendatore al Merito della Repubblica Italiana e nel 2015 è stato conferito il  Premio “La Buona Medicina” dall’Ordine dei Medici di Bari. Importante l’attività di volontariato: direttore scientifico della Onlus AMA Cuore di Bari, consulente medico dell’Opera San Nicola di Don Mario Persano.

Nelle scuole, nelle manifestazioni sociali della nostra città, Vivicittà, Running Heart, Race For the Cure, non ha mai fatto mancare il contributo professionale. Il dott. Guglielmi è capace di prevenire le aspettative andando sempre incontro ai bisogni. Sa affrontare emergenze e urgenze, sa assumersi responsabilità, sa prendere decisioni difficili, mai temerarie, sempre animate dal buon senso e da umanità. Considerate le buone capacità comunicative, terminato il servizio ospedaliero si è avvicinato al giornalismo e con tanta umiltà è stato praticante giornalista.

In questo ruolo ha saputo far tesoro dei consigli e dell’esperienza dei colleghi della nostra redazione, ha pubblicato articoli prevalentemente di carattere scientifico ottenendo, dopo i 2 anni di legge, l’iscrizione all’Albo dei Giornalisti della Puglia come Pubblicista.

A tutt’oggi continua l’attività giornalistica. Responsabile della comunicazione sanitaria nelle nostre 3 testate, Corrienenazionale.net, CorrierePL, Radici, è invitato come moderatore e relatore in congressi e dibattiti. Non è mancata la conduzione televisiva di rubriche a carattere medico e scientifico. L’attività di giornalista è indirizzata alla diffusione di messaggi inerenti informazione e prevenzione in ambito cardiovascolare e oncologico. Il pensionamento da Direttore medico nel Policlinico non ha interrotto la professione che continua nella formazione, nella ricerca, nel volontariato, nella didattica Universitaria (docente nei Master di Etica), Consulente presso Mater Dei Hospital  e il Comando Carabinieri Puglia.

In sintesi il profilo del dott. Riccardo Guglielmi si esprime con il suo modo unico di essere il medico che, alle qualità professionali, scientifiche e didattiche, affianca generosità, umanità, velocità e flessibilità nella risoluzione di problematiche complesse, capacità di fare squadra e affidare il ruolo giusto a ogni collaboratore.

Le qualità comunicative, perfezionate e aumentate con la pratica giornalistica, gli consentono di diffondere messaggi educativi su argomenti complessi. La leggerezza espositiva del messaggio permette ai non addetti ai lavori di seguire e partecipare senza annoiarsi.  Il rapporto medico paziente, che deve essere alla base della Sanità italiana, diventa così unico, efficace e propositivo.

Da parte dello scrivente, sempre attento a riconoscere e promuovere le risorse umane, non poteva mancare un giusto riconoscimento, attraverso le nostre testate, al nostro giornalista scientifico,

Antonio Peragine*

direttore responsabile


One Reply to “Riccardo Guglielmi: giornalista scientifico di Radici”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *