Sulla strada di Tremaglia

Primo piano

Federazione delle Colonie Libere Italiane in Svizzera FCLIS nomade come UNA valdese 

Claudio Micheloni si é trovato solo senza seguaci in Senato e fuori; vedere il filmato “Sulla strada di Tremaglia: italiani nel mondo, diritti e sfide per il futuro“ (https://www.youtube.com/watch?v=s7CiM-ox0ZM). Da Ministro Tremaglia ha insegnato agli eletti in parlamento come mantenere al centro della propria attività il problema degli italiani all’estero al di fuori delle diatribe o appartenenze partitocratiche ma gli eletti all’estero sono rimasti ognuno fedele alla propria famiglia partitica.

„Abbiamo prodotto personaggi da cabaret non politici“, afferma Micheloni.

Micheloni si presenta come uno pseudonomade della politica e della vita associativa limitando sempre la partecipazione libera ai congressi della FCLIS: Zurigo, Berna, Solothurn, Roma, Sciaffusa (qui la FCLIS diventa chiesa e la nuova Presidente Anna Maria Cimini è anche Presidente del Concistoro Valdese).

(http://www.zh.ref.ch/chiesa/de/news-1/danksagung-an-pfarrer-scornaienchi)

Luciano Persico ha lavorato un lungo periodo sia con i Valdesi e sia con la commissione cultura della FCLIS. Ora sta facendo una ricerca su quel periodo ed ha inoltrato una richiesta alla chiesa evangelica zurigo waldenser di potere consultare la loro biblioteca pubblica.

La richiesta rimase sospesa. Solo silenzio. Un colloquio telefonico con la Presidente Anna Maria Cimini anch’esso senza esito; avrei dovuto ricevere la risposta entro un mese. Ancora silenzio. Una mail promemoria anch’essa caduta nel vuoto. Altro silenzio.

 

 

Il silenzio come forma di censura, di violenza o di vendetta di stampo medievale?

Uno studioso G. Audisio si è servito per una sua ricerca sul „sentimento religioso dei Valdesi della Provenza attraverso gli atti notarili 1460-1520“ per cogliere la diversificazione della mentalità religiosa di una minoranza in clandestinità o addirittura simulatrice (a cura di C. Ginzburg, categoria proscritto).

Non vorrei che questa mentalità medievale si trasformasse lentamente nella forma scelta da Papa Benedetto XIV con la promulgazione nel 1758 dell’Indice dei libri proibiti da destinare al rogo.

Luciano Persico

Verein Berufsschule der Emigrierten SPE

Zurigo, 8 aprile 2019

Fonti

 

Portale video online YouTube Liberi.tv Homepage chiesa evangelica zurigo waldenser Corrispondenza elettronica

Storia d’Italia – 5** – I documenti, 1973, Giulio Einaudi editore, Torino Quaderni storici – 41, 1979, AGE, Urbino


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *