Premi “sport e diritti umani” e “arte e diritti umani” di Amnesty International Italia

Premi “sport e diritti umani” e “arte e diritti umani” di Amnesty International Italia

A Bologna il 26 aprile il conferimento dei premi “sport e diritti umani” e “arte e diritti umani” di Amnesty International Italia .

Alicia Erazo

Giornalista Internazionale – RADICI

Venerdì 26 aprile, all’interno della sua trentaquattresima Assemblea generale in programma a Villanova di Castenaso (Bologna), Amnesty International Italia conferirà il primo premio “Sport e diritti umani” e il premio “Arte e diritti umani”, giunto alla sua undicesima edizione.

Il premio “Sport e diritti umani”, nato da un’idea di Amnesty International Italia e Sport4Society – organizzazione nata nel 2009 con l’obiettivo di far emergere e sostenere i valori positivi dello sport e promuovere progetti in cui lo sport sia veicolo di pace e inclusione sociale – intende riconoscere gesti simbolici o concreti in favore dei diritti umani nell’ambiente sportivo.

Il premio sarà consegnato a Pietro Aradori, capitano della nazionale di basket e della Virtus Bologna, che dal 2017 è vicino ad Amnesty International e ha contribuito, tra l’altro, alla sua raccolta fondi distribuendo ai tifosi maglie appositamente stampate e mettendo a disposizione, nell’ambito di un’asta benefica, un incontro con un suo fan.

Alla premiazione prenderà parte anche Luca Corsolini, vicepresidente di Sport4Society, giornalista e attuale responsabile del programma sport di Matera Capitale.

Il premio “Arte e diritti umani”, istituito da Amnesty International nel 2008, viene assegnato ogni anno a chi, attraverso la sua produzione artistica, ha contribuito a sensibilizzare e a mobilitare l’opinione pubblica in favore della difesa dei diritti umani. Negli anni scorsi è stato assegnato ad Alessandro Gassmann, Modena City Ramblers, Giobbe Covatta, Paolo Fresu, Ivano Fossati, Antonio Pappano, Canzoniere Grecanico Salentino, Veronica Pivetti, Luca Bussoletti, Andrea Segre e Costanza Quatriglio.

Il vincitore dell’edizione 2019 è Gianluca Costantini, artista, attivista e autore di graphic journalism e di illustrazioni quotidiane su vittime di violazioni dei diritti umani. Nel 2018, tra l’altro, ha disegnato un mosaico dedicato a Giulio Regeni, inaugurato il 21 dicembre all’interno del municipio di Ravenna.

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.