Baldantoni (Lucani nei balcani) su ritorno emigranti ferragosto

Baldantoni (Lucani nei balcani) su ritorno emigranti ferragosto

POTENZA – Giovanni Baldantoni, rappresentante dell’Associazione Lucani nei Balcani – Palazzo Italia Bucarest, si è così espresso, in una nota, in merito al ritorno in regione dei numerosi lucani all’estero, in occasione del periodo estivo e del Ferragosto: “La “Giornata dell’emigrante” promossa a Ruvo del Monte dal Centro Lucani nel Mondo “Nino Calice”, dal Comune e della Federazione dei lucani in Usa, le Feste dell’Emigrante che si sono svolgono in altri centri sono le tradizionali occasioni, nel periodo di Ferragosto, per rinsaldare i legami di affetto e di vicinanza ai tanti emigrati lucani in rientro, sia pure per qualche giorno, nei paesi d’origine. 
Ma se vogliamo, come è necessario che avvenga, sfuggire alla retorica e al sentimentalismo per ridare, invece, pieno riconoscimento al ruolo svolto in passato e che svolgono tuttora le comunità dei lucani all’estero, si deve pensare a progetti e programmi concreti, prendendo atto che il fenomeno migratorio con il quale, purtroppo, anche la nostra regione dovrà fare i conti per chi sa quanti anni ancora, è profondamente cambiato. Sono soprattutto i nostri giovani a cambiarlo. Riguarda fasce d’età e categorie sociali differenti. 
I flussi migratori, talvolta, rappresentano un segno di impoverimento piuttosto che una libera scelta ispirata alla circolazione dei saperi e delle esperienze. I nostri giovani, però, devono poter tornare. E il compito che svolgiamo nei Balcani (oltre che in Romania, in Serbia, Ungheria, Repubblica Ceca) e in Germania è quello di intercettare questi nuovi emigrati: sono almeno 55mila gli under 40 che nel 2016 hanno lasciato l’Italia e trasferito la propria residenza all’estero, chi per cercare fortuna, chi per inseguire un lavoro, una passione o una nuova carriera. Immigrati, expat, foreign professionists con meno di 40 anni rappresentano la metà circa del totale dei trasferimenti di residenza che gli italiani hanno registrato . Per i giovani, si tratta in pratica di 3,3 trasferiti all’estero ogni mille under 40, in aumento del 34,3%. Rispetto al passato, si tratta di una emigrazione più limitata nel tempo e di qualità almeno per quanto riguarda le partenze dalle metropoli del Nord. Spesso si tratta di giovani mandati all’estero dalle famiglie (imprenditori o professionisti della media borghesia settentrionale) per studiare o comunque acquisire conoscenze, competenze e know-how da riversare poi, una volta rientrati in Italia, nelle attività professionali familiari o personali. 
È un fenomeno, a cui stiamo assistendo ormai da qualche anno. Noi puntiamo a farli diventare moderni imprenditori, liberi professionisti, ambasciatori del “made in Italy” con un collegamento costante tra i Paesi di lavoro e l’Italia, una sorta di “pendolari” del lavoro all’estero. L’apertura a Palazzo Italia dei primi desk (Acerenza, Sant’Angelo Le Fratte, Picerno) e contiamo di aprirne entro la fine dell’anno una trentina, attraverso accordi di cooperazione istituzionale con le Amministrazioni Comunali, a costo zero, risponde a più esigenze e soprattutto a quella di garantire assistenza e consulenza ai nuovi flussi migratori “pendolari” nel senso che trascorrono all’estero il tempo necessario per svolgere la propria attività e poi tornare a casa. Si aprono adesso i mercati dell’Est Europa e dei Balcani non solo per favorire l’arrivo di visitatori ma anche per nuove opportunità per le attività produttive, specialmente del settore alimentare e della piccola e media impresa. Abbiamo creduto e continuiamo a credere nella promozione culturale, storica, economica, turistica dei nostri borghi. Il nostro auspicio è che l’istituenda Camera unica di Commercio della Basilicata, con l’accorpamento di Potenza e di Matera, possa rappresentare un’antenna di collegamento con la nostra attività e quella dei Comuni per potenziare l’iniziativa di internazionalizzazione delle nostre imprese”.

 

 

Antonio Peragine

Antonio Peragine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.