Pil, per la Banca Mondiale crescita in forte rallentamento

WASHINGTON (STATI UNITI) (ITALPRESS) – La crescita globale sta rallentando bruscamente di fronte all’inflazione elevata, ai tassi di interesse più elevati, alla riduzione degli investimenti e alle interruzioni causate dall’invasione russa dell’Ucraina, secondo l’ultimo rapporto sulle prospettive economiche globali della Banca Mondiale. L’economia globale dovrebbe crescere dell’1,7% nel 2023 e del 2,7% nel 2024. Il […]
Pil, per la Banca Mondiale crescita in forte rallentamento

WASHINGTON (STATI UNITI) (ITALPRESS) – La crescita globale sta rallentando bruscamente di fronte all’inflazione elevata, ai tassi di interesse più elevati, alla riduzione degli investimenti e alle interruzioni causate dall’invasione russa dell’Ucraina, secondo l’ultimo rapporto sulle prospettive economiche globali della Banca Mondiale. L’economia globale dovrebbe crescere dell’1,7% nel 2023 e del 2,7% nel 2024. Il forte rallentamento della crescita dovrebbe essere diffuso, con previsioni nel 2023 riviste al ribasso per il 95% delle economie avanzate e quasi il 70% dei mercati emergenti e in via di sviluppo economie. Nei prossimi due anni, si prevede che la crescita del reddito pro capite nei mercati emergenti e nelle economie in via di sviluppo raggiungerà una media del 2,8%, un intero punto percentuale inferiore alla media del periodo 2010-2019. Si prevede che la crescita nelle economie avanzate rallenterà dal 2,5% nel 2022 allo 0,5% nel 2023. Negli ultimi due decenni, rallentamenti di questa portata hanno prefigurato una recessione globale. Negli Stati Uniti, la crescita dovrebbe scendere allo 0,5% nel 2023, 1,9 punti percentuali al di sotto delle previsioni precedenti e la performance più debole al di fuori delle recessioni ufficiali dal 1970. In Cina, la crescita è prevista al 4,3% nel 2023, 0,9 punti percentuali al di sotto delle previsioni precedenti. Escludendo la Cina, la crescita nei mercati emergenti e nelle economie in via di sviluppo dovrebbe rallentare dal 3,8% nel 2022 al 2,7% nel 2023. Entro la fine del 2024, i livelli del Pil nelle economie emergenti e in via di sviluppo saranno inferiori di circa il 6% rispetto ai livelli previsti prima della pandemia. Sebbene l’inflazione globale dovrebbe moderarsi, rimarrà al di sopra dei livelli pre-pandemia.(ITALPRESS).-foto agenziafotogramma.it-

Redazione Radici

Redazione Radici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.