Senza governo dei “MIGLIORI” ora ne usciremo vivi?

Senza governo dei “MIGLIORI” ora ne usciremo vivi?
I paesi democratici ricchi di “cervelli”, hanno la fissazione di affidare ai “migliori” le istituzioni culturali, burocratiche, politiche e finanziarie. E come sta “migliorando” a cannonate la vita dei popoli progrediti, grazie a l’ultima generazione mondiale di “MIGLIORI”, a memoria d’uomo, mai nessuno è riuscito a fare “meglio”. Speriamo che ora in Italia, il primo Premier Donna, ce la faccia a cambiare passo.
Invece di insaccare le istituzioni e i CTS, dei “migliori” parolieri disponibili per produrre parole, (leggi, decreti, regolamenti e scartoffie) e lasciare a quelli ritenuti “peggiori” l’eroica fatica di tenere in vita l’intero popolo producendo salari e ricchezza tassabile nell’imprenditoria, faccia alla rovescia.
Impieghi da produttore di ricchezza nel mercato e nelle professioni  “CHI SA FARE”, ed escluda i “parolieri”. Che esentati da qualunque mansione concreta è probabile facciano meno danni a chi si spacca il cervello in funzione del bene comune.
Che sia stato per secoli il locomotore culturale a trainare l’umanità sulla via del progresso democratico è assolutamente certo. Ma trainando trainando, siamo passati dai quattro “cavalli” intellettuali all’origine, a milionate di “socrati e pitagori” solo in Italia. E il rischio che un tale spreco di “im” “potenza intellettuale” possa accompagnarci “delicatamente” verso l’autodistruzione non è per niente remoto.
Nella storia dell’umanità, mai nessun popolo è arrivato al capolinea perché governato da stupidi o incapaci. Chi crede questo, viene indotto a impiegare nelle istituzioni le migliori teste d’uovo. Invece, più che governanti capaci, servono GOVERNANTI  ONESTI, perché i popoli soccombono solo per la criminalità dei potenti.
La stupidità e l’incapacità di burocrati e politici, ai geni di adattabilità dell’imprenditoria italiana in primis, non tolgono né il sonno né l’appetito.
È la criminalità “a norma di legge” dei poteri e dei potenti a condannare al fallimento gli imprenditori e alla disoccupazione i lavoratori.
Persino le multinazionali soccomberebbero ovunque se non avessero  nella delocalizzazione la possibilità di sfuggire a l’assalto alla diligenza congiunto: di banchieri, esattori e onestissimi fornitori di “disservizi”, (vedi attuali aumenti di luce e gas).
In Italia la metà della corrente elettrica proviene da fonti rinnovabili e costa un quinto del prezzo del gas. Ma ai consumatori viene fatturata come fosse tutta prodotta col gas.
Come comprare un costoso pane di semola, col 50% di crusca, che al panettiere costa un quinto della semola e venduta al prezzo di semola gli rende una barca di soldi.
La truffa che si sta consumando adesso in Italia sulle forniture di luce e gas, non ha precedenti storici.
E il sistema economico italiano, (già devastato da pandemia e guerra) arranca ormai quasi da malato terminale, e rischia di tirare le cuoia in pochi mesi, se le “MIGLIORI” sanguisughe EUROPEE E MONDIALI, al nascente governo Meloni impediranno di cucire una toppa sul buco del collasso economico imminente.
Franco Luceri
Redazione Radici

Redazione Radici

Redazione Radici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.