Se passi dal dire al fare sei in altomare

Se passi dal dire al fare sei in altomare
La politica è diventata un autentico rompicapo, perché anche lo scemo del villaggio è in grado di scopiazzare un elenco di cose giuste e urgenti da fare e pescare consensi dai suoi potenziali elettori, solo promettendo di farle.
Ma poi, chiunque arrivi nella stanza dei bottoni, tentando di passare dalle parole ai fatti, assaggerà la delusione di vedere che anche le migliori soluzioni del mondo gli si tramutano in catastrofi assassine se sbaglia mezzi, persone, luogo e/o tempo.
Perciò, la valanga di soluzioni geniali e sacrosante promesse dalla politica in campagna elettorale; se realizzate da cani, a dir poco al 90% si tramutano in emergenze che partoriscono altre emergenze come fossero topi.
Pensate un attimo alle sette fatiche di Ercole della politica per portare in tre quarti di secolo il sud Italia alla stessa produttività del Nord.
E la faticaccia degli attuali ercolini che a colpi di reddito di cittadinanza, curano l’emergenza disoccupazione facendo lievitare il debito pubblico, invece del PIL
In Italia al 90% e passa le politiche sono autentiche genialate. Da 3 o 4 decenni siamo diventati strabici: abbiamo un occhio che guarda ad Occidente e uno ad Oriente.
Pur essendo indissolubilmente “alleati” degli americani; da alcuni decenni siamo clienti e fornitori affezionati di russi, ucraini e cinesi, non tutti amici degli americani. Importiamo gas e materie prime dalla Russia, grano, cereali e olio dall’Ucraina, e dalla Cina compriamo anche l’aria che respiriamo.
In Italia siamo diventati autonomi giusto quanto un subacqueo che ha finito l’ossigeno.
I nostri politici promettono più elargizioni di denari alla massa crescente dei poveri e alle imprese in liquidazione, fingendosi impegnati a salvare capre e cavoli.
Ma se i rappresentanti del Popolo sono costretti a promettere denari per tornare al potere, è perché non hanno creato contribuenti produttivi da tassare, ma disoccupati e falliti da “promettere” di salvare.
Non hanno manco una quattro soldi bucata perché i denari pronti all’uso li hanno solo i banchieri. E a chiederli a loro si sbaglia persona, perché se te li prestano sei morto prima di nascere.
Perciò le promesse risolutive e acchiappa voti in campagna elettorale sono al 99%, tutte sacrosante; ma nel realizzarle si tramutano in calamità naturali almeno al 90%.
Trovare la giusta quantità e qualità di risorse nel tempo e luogo giusto, impiegando soggetti realmente qualificati e moralmente affidabili è lavoro da Padreterno. Vedi ultima devastazione ambientale omicida in Umbria.
E se non vi basta, c’è la guerra delle sanzioni contro la Russia, che sta facendo più vittime sul campo dei sanzionatori che su quello dei sanzionati.
E ora, col prossimo governo, che Dio ce la mandi buona !
Franco Luceri
Redazione Radici

Redazione Radici

Redazione Radici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.