Sui brevetti è meglio Biden

Sui brevetti è meglio Biden

di Paolo Pagliaro

Nel terzo trimestre Pfizer ha riportato utili per 8 miliardi e 150 milioni di dollari. Moltiplicato per quattro, fa un po’ più di 32 miliardi e mezzo in un anno. Anche Moderna sta dando molte soddisfazioni ai suoi azionisti, fondi di investimento e grandi banche: nel trimestre l’utile netto è stato di 3 miliardi e 300 milioni. Insomma, diciamo che il credito che le due grandi case farmaceutiche americane hanno maturato nei confronti dell’umanità è stato ripagato. Adesso si tratterebbe di consentire anche ai paesi più poveri di disporre dei vaccini anti covid, messi a punto in tempi record e peraltro grazie a 20 anni di investimenti pubblici nella ricerca, e a 18 miliardi di sovvenzioni statali.


Domani a Ginevra il tema avrebbe dovuto essere affrontato dall’assemblea dell’Organizzazione Mondiale del Commercio, ma la riunione è stata annullata, ufficialmente per le difficoltà logistiche legate alla nuova ondata di contagi.


La sospensione dei diritti di proprietà intellettuale sui vaccini, i farmaci, i ventilatori e le altre tecnologie in grado di contrastare l’epidemia è una richiesta avanzata da India e Sudafrica, e appoggiata da oltre cento paesi e duecento premi Nobel. La sospensione dei brevetti è la condizione necessaria per il trasferimento di conoscenze e l’aumento della produzione mondiale di vaccini. Oltre alle multinazionali del farmaco, è contraria anche l’Unione Europea. E questo nonostante la nuova variante del covid in arrivo dall’Africa, dove solo il 6% delle persone sono state vaccinate con due dosi. Alcuni leader occidentali, come Biden, cominciano a chiedersi se valga la pena morire per un brevetto, e chissà che prima o poi non se lo chieda anche l’Europa.

Redazione Radici

Redazione Radici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.