Smart working a rotazione, ma per gli statali maggiore presenza

Smart working a rotazione, ma per gli statali maggiore presenza

L’amministrazione pubblica che vuole fare smart working deve garantire ‘l’invarianza dei servizi resi all’utenza’ ma anche ‘un’adeguata rotazione del personale autorizzato alla prestazione di lavoro agile, assicurando comunque la prevalenza per ciascun lavoratore del lavoro in presenza’. Lo si legge nelle linee guida presentate dal ministro della Pubblica amministrazione Brunetta ai sindacati. Non si puo’ quindi fare lavoro agile cinque giorni a settimana ma lo si deve alternare con il lavoro in ufficio. 

“Sullo smart working do’ una buona notizia: abbiamo avviato il confronto con le parti sociali, entro fine mese convochero’ un tavolo largo per ragionare su un accordo quadro”: lo ha detto il ministro del Lavoro Andrea Orlando, alla Settimana sociale dei cattolici italiani. Per Orlando bisogna concentrarsi su tre cose “Qual e’ livello sicurezza di quello che diventa il luogo di lavoro, come si garantisce il diritto alla disconnessione, e come si garantiscono beni come i dati”. “Dobbiamo fare in modo che il dialogo sociale cominci a definire paletti, e dove e’ necessario intervenga la legislazione”.

Con riguardo alle indiscrezioni sulla bozza di linee guida sul lavoro agile nella Pubblica amministrazione oggetto del confronto con i sindacati, fonti della Funzione pubblica precisano che l’espressione secondo cui “per accedere alle applicazioni del proprio ente può essere utilizzata esclusivamente la connessione Internet fornita dal datore di lavoro” non si riferisce al costo della connessione, ma alla indispensabile sicurezza nell’accesso e nelle comunicazioni che deve garantire il datore di lavoro per evitare falle e utilizzi impropri. L’amministrazione è tenuta a prevedere apposite modalità per consentire la raggiungibilità delle proprie applicazioni da remoto, in piena sicurezza.

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *