29 marzo: referendum politico?  

Politica

E’ ufficiale: domenica 29 marzo si terrà il Referendum correlato alle modifiche degli artt. 56, 57 e 59 della nostra Costituzione in materia di riduzione del numero dei Parlamentari della Repubblica.  In caso d’affermazione dei “SI”, i Seggi alla Camera passerebbero da 630 a 400 e al Senato da 315 a 200. Nel contesto, andranno anche a ridursi il numero dei parlamentari di competenza della Circoscrizione Elettorale Estero.

 Sulla consistenza numerica del nostro Potere Legislativo non intendiamo entrare nel merito. Saranno i cittadini, quindi gli elettori, a decidere. Le nostre perplessità, invece, rivestono i seguiti politici referendari. In caso di riduzione del numero dei Parlamentari, si dovranno, gioco forza, rivedere le posizioni dei partiti oggi di “maggioranza” e d’”opposizione”.

La questione, di conseguenza, interessa le formazioni politiche. Ci saranno, nonostante il precedente “placet” parlamentare, manovre post referendarie per rivedere la posizione numerica degli uomini che “contano” e che, in relazione dei rapporti d’”alleanza, ” andranno a costituire il Potere Esecutivo.

 Ne consegue, almeno a parer nostro, che l’imminente Referendum, indipendentemente dal risultato, avrà una specifica valenza politica sulla quale sarà nostra premura ritornare.

Giorgio Brignola


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *