Giorgetti “Debito pubblico nostro punto debole, suonata la sveglia”

ROMA (ITALPRESS) – Non bisogna “sottovalutare il tema del livello elevato del debito pubblico, il nostro punto debole. E’ suonata la sveglia. Più debito significa più spesa per interessi e più spesa per interessi significa risorse sottratte al sostegno a famiglie e imprese. L’equazione è semplice ma non sempre chiara agli attori politici e sociali”. Così il ministro dell’Economia, Giancarlo Giorgetti, in occasione della 99° Giornata mondiale del Risparmio. “Stiamo lavorando per consolidare la fiducia dei risparmiatori, e più in generale dei mercati, nei confronti del nostro Paese. Serietà, responsabilità, prudenza sono le basi su cui si costruisce e rafforza la fiducia. Senza fiducia non c’è risparmio. Senza fiducia e risparmio non ci sono investimenti. Senza investimenti non c’è crescita e senza crescita non c’è futuro”, ha aggiunto. Il ministro ha spiegati che nella “definizione della manovra di bilancio il Governo ha inteso adottare un approccio ispirato alla necessaria cautela e prudenza. Vi garantisco che non è stato facile il confronto all’interno dell’esecutivo per ‘scremarè le diverse istanze, tutte legittime, che erano stato rappresentate”.(ITALPRESS).– Foto: Palazzo Chigi –

Redazione Radici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CAPTCHA ImageChange Image

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.