Il PNRR e la modernizzazione del servizio consolare

Il PNRR e la modernizzazione del servizio consolare

La legge del 23 ottobre 2003, n.206, che ha istituito i Comitati degli italiani all’estero ( meglio noti come  Comites) assegna agli stessi Comitati il compito di assistere gli uffici consolari nelle attività di promozione e di difesa degli interessi e dei diritti dei connazionali residenti fuori dai confini nazionali.

Conformemente a quanto previsto dalla legge, è stata condotta a Berna lo scorso 9 novembre una  articolata ricognizione sul lavoro degli uffici consolari presenti  in Svizzera. Alla riunione, presieduta dall’ambasciatore  Silvio Mignano, hanno preso parte, accanto ai presidenti dei Comites attivi in Svizzera, i parlamentari eletti nella circoscrizione estero ( On.Toni Ricciardi (PD), On. Simone Billi (Lega)  e On. Federica Onori (M5S) , come pure alcuni qualificati rappresentanti del Consiglio generale degli italiani all’estero.

Nel corso del dibattito, sono emerse  due posizioni sostanzialmente antitetiche: quella, anzitutto, del Capo Missione a Berna, che ha parlato di sostanziali progressi nella quantità e qualità dei servizi offerti ai cittadini, e quella, invece, dei Comites  e del CGIE, o, almeno, della maggioranza di essi, che hanno invece insistito sulla precarietà della situazione corrente  e sull’insoddisfacente andamento nell’erogazione dei servizi.

 

Poiché, d’altra parte, il disagio nei rapporti coi Consolati costituisce un tema che travalica, come noto, i confini della Svizzera, per investire mediamente tutta la rete consolare italiana, sembrerebbe urgente, nella nostra impressione, avviare una riflessione comune in vista di un progetto organico di riorganizzazione della rete consolare, sfruttando a tal fine le risorse messe a disposizione dal PNRR ( Piano Nazionale di Recupero e Resilienza), anche se dobbiamo confessare di non sapere quale sia la posizione in proposito della Farnesina. Ricordiamo, di passata, che una delle condizioni poste da Bruxelles, per la concessione dei fondi europei, è la riforma della pubblica amministrazione italiana, che si distingue, come noto, per scarsa efficienza e per i disservizi che essa infligge mediamente ai cittadini

Con riferimento, per esempio, agli uffici consolari, basti ricordare alcuni dati. Le liste di attesa, anzitutto, non accennano a diminuire, specie con   riguardo alle richieste di cittadinanza e al rilascio dei passaporti e delle carte di identità.

Ai cittadini inoltre viene imposta la registrazione elettronica in vista di appuntamenti, sempre per via elettronica, che procurano non pochi disagi ai connazionali più anziani, comprensibilmente, meno informatizzati. Oltre a ciò, si registra la difficoltà, se non, forse, l’impossibilità di interagire telefonicamente con gli uffici, che , per parte loro, lamentano crescenti arretrati di lavoro.

Sul punto, desideriamo attirare l’attenzione intorno a un recente progetto di Poste Italiane, che a noi sembra di grande interesse, anche nella prospettiva della modernizzazione della rete consolare, e di cui riportiamo, qui di seguito, i tratti essenziali. A quanto   riferito dal Sole 24 ore,  in un servizio dello scorso 5 novembre, le Poste  si avvierebbero ad aprire sportelli polivalenti in migliaia  di piccoli comuni della Penisola con l’obiettivo  di offrire  ai cittadini gli stessi servizi all’incirca che gli uffici consolari  offrono o dovrebbero offrire ai connazionali residenti all’estero.

Si va infatti  dai passaporti alle carte di identità, dalla emissione dello Spid alle  planimetrie catastali, dai  certificati di stato civile, al rilascio del codice fiscale, dalle   patenti nautiche al rinnovo della patente per gli automobilisti fino al  rilascio dei  modelli Obis per i pensionati e della  certificazione unica ( Inps). Tutti questi servizi, a quanto sembra di capire, non prevedono l’obbligo di prenotazione e non contemplano perciò la formazione di liste  di attesa.

Nel riproporre all’attenzione un progetto che riveste, secondo noi, grande interesse, anche nell’accennata prospettiva consolare, desideriamo aggiungere che un  siffatto programma – se pure vedrà mai la luce- andrebbe realizzato, se possibile, con una azione congiunta delle Poste e del Ministero degli esteri. Avvalendosi infatti del formidabile management di cui Poste Italiane dispone, la Farnesina potrebbe infine disegnare – si spera- la rete consolare del XXI secolo. In proposito, ci permettiamo di confidare nel fattivo interessamento  e nella  iniziativa dei parlamentari eletti all’estero.

Gerardo Petta- Presidente Comites di Zurigo

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.