Lo scontro tra l’Unione europea e la Chiesa ortodossa russa. Kirill nella lista nera dei sanzionabili

Lo scontro tra l’Unione europea e la Chiesa ortodossa russa. Kirill nella lista nera dei sanzionabili
© KIRILL KUDRYAVTSEV / AFP - Il patriarca ortodosso Kirill

La Commissione europea annuncia il sesto pacchetto di sanzioni a Mosca che potrebbe colpire anche il patriarca. Il portavoce del leader religioso: “Non riuscirete a intimidirci”

 “Ora affrontiamo la nostra dipendenza dal petrolio russo. Sia chiaro: non sarà facile. Alcuni Stati membri dipendono fortemente dal petrolio russo. Ma dobbiamo semplicemente lavorarci sopra. Ora proponiamo un divieto al petrolio russo. Questo sarà un embargo totale di importazione su tutto il petrolio russo, marittimo e da oleodotto, greggio e raffinato”. Lo ha annunciato la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, nel suo intervento in plenaria al Parlamento europeo annunciando il sesto pacchetto di sanzioni a Mosca.

“Ci assicureremo di eliminare gradualmente il petrolio russo in modo ordinato, in modo da consentire a noi e ai nostri partner di garantire rotte di approvvigionamento alternative e ridurre al minimo l’impatto sui mercati globali. Questo è il motivo per cui elimineremo gradualmente la fornitura russa di petrolio greggio entro sei mesi e di prodotti raffinati entro la fine dell’anno. Pertanto, massimizziamo la pressione sulla Russia, riducendo allo stesso tempo al minimo i danni collaterali a noi e ai nostri partner in tutto il mondo. Perché per aiutare l’Ucraina, la nostra stessa economia deve rimanere forte”, ha spiegato von der Leyen.

AGI

Redazione Radici

Redazione Radici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.